Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Crozza contro le fake news: “Fate come me, cancellate il vostro profilo Facebook”

Di Anna Ditta
Pubblicato il 27 Apr. 2019 alle 13:24 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:53
0
Immagine di copertina

Durante l’ultima puntata di Fratelli di Crozza, andata in onda sul canale Nove venerdì 26 aprile 2019, Maurizio Crozza ha invitato gli spettatori a non cadere nella trappola dei social durante la campagna elettorale per le Europee 2019.

Il comico ha basato il suo monologo di apertura sul tema dei social network e delle fake news, partendo da un caso molto particolare: quello della cittadina di Ebbw Vale, una località del Galles ricca di miniere fino a quando negli anni Ottanta queste sono state chiuse.

La cittadina sarebbe andata a morire se l’Unione europea negli anni successivi non fosse intervenuta a finanziare varie opere pubbliche, tra cui un college, un centro sportivo, una ferrovia, una superstrada, con un piano di rigenerazione da 350 milioni di sterline.

Eppure, al referendum sulla Brexit il 62,3 per cento degli abitanti di Ebbw Vale a votato per il Leave, cioè per lasciare l’Ue.

Come mai? Ad andarlo a chiedere agli abitanti di Ebbw Vale è stata la giornalista Carole Cadwalladr, la cronista dell’Observer che ha svelato lo scandalo dell’uso improprio di dati personali nello scandalo Cambridge Analytica.

La giornalista ha spiegato come i social abbiano influito anche sulla Brexit. In particolare, gli abitanti di Ebbw Vale hanno detto a Cadwalladr di aver votato per il Leave a causa di ciò che Facebook aveva mostrato loro durante la campagna elettorale.

Tutte le ultime notizie di TPI sulla Brexit

“I cittadini britannici nei giorni prima della Brexit sono stati bombardati da milioni di fake news, che descrivevano l’Europa come la causa di tutti i mali”, ha detto Crozza nel suo monologo. “Disoccupazione, aumento dei prezzi, povertà, whisky annacquato” eccetera.

“Su Facebook per settimane ogni sfiga era colpa dell’Europa, per esempio a Ebbw Vale sono stati inondati di post sul pericolo di invasione degli immigrati”, prosegue Crozza. “Sapete quanti sono attualmente gli immigrati a Ebbw Vale? No, non tre. È una signora polacca. Invasi da una signora polacca”.

Insomma, gli abitanti di Ebbw Vale hanno creduto più ai post di Facebook che non alla realtà. Il comico mette in guardia sul rischio che certe dinamiche si ripetano anche in vista delle elezioni europee 2019 e invita provocatoriamente a cancellare il proprio profilo Facebook. Poi però precisa: non è necessario rinunciare alla tecnologia, basta non credere a qualsiasi cosa leggiamo su Facebook.

“Fra un mese si vota anche da noi per le Europee”, ha ricordato Crozza, “e pare che ci sia già un bel movimento”.

“Google ha scovato 6mila account che spacciano fake news in Italia, metti che ognuno di loro ne faccia 10 al giorno, entro un mese sono in arrivo quasi due milioni di bufale fresche. Vi prego fratelli: non crediamo a tutto”, è l’invito del comico.

Qui il video in streaming del monologo per intero.

>> “Ecco come i social hanno influito sulla Brexit”: parla la giornalista che ha inchiodato Facebook

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.