Covid ultime 24h
casi +14.078
deceduti +521
tamponi +267.567
terapie intensive -43

Da luglio 2019 entrare ai concerti diventa un’impresa: ecco cosa cambia

Le grandi novità sono il biglietto nominativo e identificazione all'ingresso

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 29 Dic. 2018 alle 17:48 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 11:42
0
Immagine di copertina
Nel 2019 entreranno in vigore delle restrizioni all’ingresso dei concerti per motivi di sicurezza.

La novità – Questi cambiamenti sono stati inseriti in un comma del maxiemendamento alla Manovra. La decisione non vale per la lirica, le rappresentazioni teatrali e il jazz. Il provvedimento non riguarda le manifestazioni sportive, per le quali continuano ad applicarsi le norme specifiche del settore.

Leggi anche: “I concerti live allungano la vita”

Le difficoltà – Dal primo luglio del 2019 diventerà più complicato andare ai concerti negli stadi. Un comma del maxiemendamento alla Manovra approvata dal Senato e presto all’esame della Camera, stabilisce infatti che “i titoli di accesso ad attività di spettacolo in impianti con capienza superiore a 5.000 spettatori sono nominativi, previa efficace verifica dell’identità, e riportano la chiara indicazione del nome e del cognome del soggetto che fruisce del titolo di accesso, nel rispetto delle disposizioni del codice in materia di protezione dei dati personali”.

File interminabili – La decisione rischia anche di creare ingorghi negli accessi del pubblico. L’accesso all’area dello spettacolo, precisa infatti la disposizione inserita nella Manovra, “è subordinato al riconoscimento personale, attraverso controlli e meccanismi efficaci di verifica dell’identità dei partecipanti all’evento, compresi i minorenni”. Di fatto, steward e addetti ai cancelli dovranno chiedere a tutti i documenti e verificarne la corrispondenza alla persona che li esibisce.

Regole ferree – La nuova disciplina riguarda ovviamente soprattutto i concerti rock e pop. Il direttore dell’Agenzia delle entrate, d’intesa con il Ministero per i beni e le attività culturali e sentita l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, dovrà emettere “entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della disposizione un provvedimento nel quale sono stabilite le regole tecniche attraverso cui i siti internet di rivendita primari, i box office autorizzati o i siti internet ufficiali dell’evento assicurano la rimessa in vendita dei titoli di ingresso nominativi o il cambio di nominativo”.

Siete pronti ad affrontare tutto questo per la vostra musica preferita?

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.