Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Baby modelle gemelle obbligate a dimagrire: entrambe ridotte in fin di vita dall’anoressia

Masha e Dasha Ledeneva sono due sorelle gemelle russe quindicenni, il cui sogno di diventare modelle le aveva ridotte pelle ed ossa, in fin di vita

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 17 Gen. 2019 alle 08:37 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:58
0
Immagine di copertina

Con in testa il sogno di diventare modelle ad ogni costo, quando un’agenzia di moda ha chiesto loro di dimagrire di molti chili non hanno esitato un secondo.

Le gemelle – Masha e Dasha Ledeneva sono due sorelle gemelle russe quindicenni, il cui sogno era diventare modelle. Un sogno che però si è trasformato in incubo: dopo un drastico dimagrimento imposto loro dall’agenzia di moda di cui volevano entrare a far parte, le ragazze erano state ricoverate, ridotte pelle e ossa e in fin di vita presso un ospedale di Mosca.

Vicino alla morte – I medici avevano affermato che le ragazze erano in serio pericolo di vita a causa del grande dimagrimento: erano passate da pesare circa 50 chilogrammi a vedere il loro peso attestarsi attorno ai 35 chilogrammi.

La ripresa – Attualmente le ragazze stanno meglio e, a distanza di cinque settimane del ricovero, mostrano evidenti segni di ripresa e sono state dimesse. Le gemelle hanno compiuto 15 anni in ospedale, dove hanno anche trascorso le festività. Da parte loro è giunto un grande ringraziamento all’attivista russa Marina Kokhno, che aveva reso pubblico il caso per garantire loro un trattamento di emergenza e per salvarle.

Un angelo – Le due baby modelle hanno ringraziato la loro “salvatrice” Marina Kokhno, affermando: “Ci hai supportato in un momento difficile. Questa esperienza ci ha mostrato come amare la vita e chi sono i nostri veri amici”.

L’anoressia è ancora dietro l’angolo nel mondo della moda.

Leggi anche: “La storia di chi ha sconfitto l’anoressia”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.