Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home

Il villaggio afro-colombiano dove il Natale si celebra a febbraio

Immagine di copertina
Al centro delle celebrazioni c'è la statua di Gesù Bambino in legno. Credit: AFP

La pittoresca popolazione di Quinamayó, nel sudovest della Colombia, non celebra il Santo Natale il 25 dicembre, ma due mesi dopo. La tradizione risale ai tempi della schiavitù

Gli abitanti del villaggio di Quinamayó, nel sudovest della Colombia, celebrano il giorno di Natale nel mese di febbraio e non il 25 dicembre.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La processione per i festeggiamenti coinvolge i devoti della piccola comunità che trasportano la statua del bambino Gesù dalla pelle nera, chiamato Niño Dios negro.

La tradizione risale ai tempi della schiavitù, quando gli antenati del villaggio colombiano furono banditi dai festeggiamenti del Natale.

Da 138 anni hanno scelto di festeggiarlo a metà febbraio e così la tradizione è sempre stata preservata.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

La pittoresca popolazione di Quinamayó è infatti composta da discendenti di schiavi neri del sud-ovest della Colombia.

La celebrazione del “santo giorno” è iniziata domenica sera, il 18 febbraio 2018, due giorni dopo rispetto alla data prevista a causa di una forte pioggia che ha colpito la regione.

Fuochi d’artificio, musica e danza fanno parte della processione colorata dedicata alla nascita di Gesù Cristo.

“Nella nostra comunità crediamo che una donna debba digiunare per 45 giorni dopo il parto, quindi festeggiamo il Natale non a dicembre ma a febbraio, così Maria può ballare con noi”, ha raccontato il coordinatore dell’evento Holmes Larrahondo.

Gli abitanti del villaggio prima della processione girano per le case “alla ricerca” la statua del piccolo Gesù di legno che, secondo la tradizione, è tenuta al sicuro da uno degli abitanti nella sua abitazione per il resto dell’anno.

Una volta che la statua viene scovata, residenti di tutte le età vestiti da angeli e soldati la trasportano in giro per il villaggio.

I ballerini eseguono una danza chiamata “fuga” in cui imitano i passi strascicati degli schiavi incatenati.

I festeggiamenti si concludono nelle prime ore del mattino.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop
Ti potrebbe interessare
TV / Anticipare a prima delle 23 l’edizione notturna: l’idea di Fuortes per sciogliere il nodo Tgr
Opinioni / Nell’Afghanistan dei talebani anche le banche sono al collasso (di W. Samadi)
Economia / Iva, Italia maglia nera in Ue per evasione. Perdite per oltre 30 miliardi
Ti potrebbe interessare
TV / Anticipare a prima delle 23 l’edizione notturna: l’idea di Fuortes per sciogliere il nodo Tgr
Opinioni / Nell’Afghanistan dei talebani anche le banche sono al collasso (di W. Samadi)
Economia / Iva, Italia maglia nera in Ue per evasione. Perdite per oltre 30 miliardi
TV / Piazzapulita: anticipazioni e ospiti della puntata di stasera, 2 dicembre
TV / Quelli che…: anticipazioni, ospiti e cast di oggi, 2 dicembre
TV / Un professore: le anticipazioni (trama e cast) della quarta puntata
TV / X Factor 2021 Live: anticipazioni, concorrenti e ospiti della semifinale
Lotterie / Estrazione VinciCasa: i numeri vincenti estratti oggi 2 dicembre 2021
Ambiente / Gli albatros “divorziano” più spesso e la colpa è della crisi climatica
Opinioni / Monti, Giorgetti & Co: quelli che preferiscono Draghi alla democrazia