Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home

I tabù “sporchi” della società nelle illustrazioni di una disegnatrice indiana

Immagine di copertina
Credit: wallflowergirlsays Instagram account

Un'illustratrice indiana ha deciso di sottolineare ironicamente su Instagram i "tabù sporchi" ancora presenti nella sua generazione

Kaviya Ilango è un’illustratrice indiana che si occupa di rappresentare i “tabù sporchi” che la ispirano, e che sono particolarmente sentiti nel suo paese.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“Le persone generalmente consigliano di lavare i panni sporchi in casa propria, ma sono convinto che l’arte possa essere un mezzo potente per mettere in discussione gli stereotipi”, ha spiegato l’artista a Bbc.

Ilango utilizza Instagram come canale di diffusione, e all’interno del suo account pubblica le satiriche foto sui “problemi da millennial”.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Il suo principale scopo è quello di sfatare i miti delle vite apparentemente perfette che vengono mostrate sui social network, per dare spazio a soggetti più intimi e problematici.

La maggior parte delle sue illustrazioni presenta donne dalla pelle scura con le gambe e le braccia non depilate: una scelta deliberatamente provocatoria nei confronti delle insicurezze intorno all’immagine del corpo propagandate dall’industria della bellezza e persino dai social media.

“Personalmente credo che più oggettivamente si parla di questi argomenti ‘sporchi’, tanto più verranno normalizzati all’interno della società “, ha spiegato l’artista.

A volte le sue illustrazioni includono “tabù buffi”, dice, ma tocca anche questioni più disturbanti e personali come la solitudine e la malattia mentale.

“Cose come il dolore e la perdita, la depressione e l’isolamento o qualsiasi tipo di dipendenza: questi sono tutti argomenti di cui ancora ci sentiamo molto a disagio a discutere con gli altri”, dice Ilango.

Il suo progetto, intitolato dall’hashtag #100daysofdirtylaundry, è un’analisi onesta dei problemi femminili, che vanno dai cicli mestruali alle manie di Netflix e alla continua distrazione causata dai social media.

Gran parte del suo lavoro è umoristico, ma riflette anche l’ansia di una generazione che descrive come “perennemente online”.

“Il modo in cui la nostra generazione ha affrontato l’oscura questione dei ‘millennials’ è stato per lo più attraverso l’umorismo: meme, stand up comedy, satira e pagine Facebook divertenti”.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Cronaca / Tim, Grillo interviene nella battaglia per il controllo: “Scorporare la rete è una condanna a morte”
Economia / Rif Line sceglie Salerno per aprire all’Oriente
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Cronaca / Tim, Grillo interviene nella battaglia per il controllo: “Scorporare la rete è una condanna a morte”
Economia / Rif Line sceglie Salerno per aprire all’Oriente
Opinioni / Conte pronto a un passo indietro: l’ex premier convinto che la sua candidatura a Roma sia una trappola
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Esteri / La foto di famiglia del deputato Usa tra albero di Natale e armi. È polemica
Esteri / Francia, scontri al primo comizio di Zemmour: il candidato di estrema destra afferrato al collo
TV / Domenica In, Mara Venier furiosa con Mariotto: “Mi stai facendo girare le pal**. Se vuoi ridere esci da questo studio”
Cronaca / Muore a 26 anni dopo essere stato legato a letto per 3 giorni nel reparto psichiatrico del San Camillo di Roma
Cronaca / Perché Massimo Ferrero è stato arrestato oggi, 6 dicembre 2021? I motivi del fermo