Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La zanzara geneticamente modificata che sconfiggerà la malaria

Immagine di copertina

I ricercatori dell'università di Irvine in California stanno creando un insetto immune al parassita, per far estinguere le zanzare vettori della malattia

I ricercatori dell’università di Irvine in California hanno modificato geneticamente la zanzara vettore della malaria per renderla immune a questa malattia.

La scoperta potrebbe consentire di debellare definitivamente la malaria, dato che il parassita viene diffuso proprio da alcune specie di zanzare, tra cui l’Anopheles, la zanzara diffusa in India su cui sono stati compiuti gli esperimenti, che contagiano l’uomo tramite le loro punture.

Quasi 3,2 miliardi di persone, circa la metà della popolazione mondiale, sono a rischio malaria. Nonostante i repellenti, le zanzariere e gli altri mezzi che si possono utilizzare per tenere lontani gli insetti che trasmettono la malaria, questa malattia continua ad uccidere 580mila persone ogni anno, di cui la maggior parte in Africa.

Proprio per questo gli scienziati stanno cercando di elaborare un metodo che sconfigga la malaria minandola alle basi: eliminando le zanzare vettore.

I ricercatori americani sono riusciti a produrre in laboratorio zanzare che oltre a non trasmettere la malattia danno alla luce cuccioli che nel 99 per cento dei casi riflettono le stesse caratteristiche modificate geneticamente sui genitori.

Generazione dopo generazione, gli insetti che trasmettono il parassita dovrebbero estinguersi, lasciando il passo alle zanzare modificate e alla loro progenie.

Rilasciare in natura un animale il cui Dna è stato modificato geneticamente, però, potrebbe comportare rischi per l’ecosistema. Gli scienziati devono quindi monitorare tutte le possibili conseguenze di un esperimento tanto delicato, prima di testarlo in natura.

Gli studiosi dell’università di Irvine hanno affermato che il prototipo non è ancora stato ultimato e saranno necessari ulteriori ricerche prima di utilizzare la zanzara nei Paesi più colpiti dalla malattia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli