Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Yemen: almeno 49 feriti e 2 morti per combattimenti pesanti a Taiz. Ospedale pubblico costretto a chiudere

Una famiglia ha guidato tre ore attraversando la linea del fronte per portare in ospedale un bambino di due anni ferito al volto da una scheggia dopo l’esplosione di una bomba vicino casa. Ma in molti non riescono a raggiungere gli ospedali a causa degli scontri, dei posti di blocco o per paura di essere attaccati

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 24 Mar. 2019 alle 18:37 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:33
0
Immagine di copertina
Credit: Ahmad AL-BASHA / AFP

Negli ultimi quattro giorni di combattimenti pesanti nella città di Taiz, in Yemen, tre strutture supportate da MSF hanno ricevuto 49 feriti e due morti. Almeno un ospedale pubblico è stato costretto a chiudere, lasciando le persone senza possibilità di accedere alle cure. Medici Senza Frontiere (MSF) denuncia che i combattimenti in aree densamente popolate stanno avendo conseguenze devastanti per la popolazione civile e impedendo ai feriti di ricevere cure mediche salvavita nella città di Taiz.

“Siamo preoccupati che ci siano persone ferite bloccate tra le linee del fronte e che molte di loro non riusciranno ad accedere a strutture sanitarie all’interno o al di fuori della città” dichiara Caroline Ducarme, capomissione di MSF in Yemen. “Nelle tre strutture supportate da MSF a Taiz, le équipe mediche hanno ricevuto 49 feriti e due persone già decedute. Ma non conosciamo l’effettivo numero di feriti che potrebbe aver bisogno di cure d’urgenza.”

Si parla di almeno un ospedale danneggiato dai combattimenti, mentre uno degli ospedali pubblici della città è stato costretto a chiudere rendendo ancora più difficile per le persone ricevere cure mediche urgenti.

In un ospedale pubblico supportato da MSF, i team medici hanno raccontato che un paziente gravemente ferito è stato portato fuori a forza dalla sala operatoria e non ha potuto ricevere le cure di cui aveva disperato bisogno. È semplicemente inaccettabile.

“C’è un bisogno estremo di maggiore protezione delle strutture sanitarie” ha detto Ducarme di MSF. “I pazienti ci dicono che non possono raggiungere gli ospedali a causa degli scontri e dei posti blocco e hanno paura che gli ospedali vengano attaccati. Per questo le persone portano via dall’ospedale i loro parenti. Alcuni medici hanno lasciato il lavoro perché avevano troppa paura per la loro sicurezza.”

Nel primo giorno di combattimenti, il centro traumatologico di MSF sull’altro lato della linea del fronte, a Taiz Houban, ha ricevuto un bambino di due anni ferito al volto da una scheggia dopo che una bomba è caduta vicino alla sua casa nella città vecchia. La famiglia ha dovuto guidare per tre ore, attraversando le linee del fronte sotto gli spari per raggiungere la struttura.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.