Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il premier Tsipras supera il voto di fiducia con il numero minimo di voti

Immagine di copertina
Il premier greco Alexis Tsipras

Al centro della crisi di governo vi è la disputa sul nome della confinante Macedonia, osteggiato dai nazionalisti

Il 16 gennaio 2019 il premier greco Alexis Tsipras ha superato il voto di fiducia sul suo governo da lui stesso chiesto dopo le dimissioni del ministro della Difesa, Panos Kammeno.

Tsipras ha ottenuto 151 voti a favore su 300 deputati, il numero minimo per continuare a governare fino alle elezioni di ottobre.

La crisi di governo – Kammenos, leader del partito di destra dei Greci indipendenti, ha messo in crisi la tenuta della coalizione, ma sembra che il premier sopravviverà al voto anche se con una maggioranza risicata.

Tsipras ha bisogno di 151 voti a favore sui 300 totali del parlamento greco per evitare la caduta del governo: il suo partito, Syriza, può contare su 145 voti, a cui si aggiungono quelli di 4 membri ribelli di Greci indipendenti, quello dell’indipendente Kryina Papakosta e di Spyros Danellis.

Se invece il governo Tsipras non dovesse ottenere la fiducia l’ipotesi più accreditata è che si vada a nuove elezioni, anche se non è un’opzione obbligatoria: il premier tra l’altro sostiene che non chiamerà i cittadini al voto prima dell’approvazione di una legislazione che garantisca maggiori protezioni ai proprietari di case e un salario minimo più alto.

La disputa sulla Macedonia – Al centro della crisi di governo vi è la disputa sul nome della confinante Macedonia. Il ministro uscente Kammeno e il suo partito, insieme ad altre frange dell’opposizione, sono contrari all’accordo siglato tra il governo di Atene e Skopje per il cambio di nome del vicino di casa.

Secondo i nazionalisti greci il nome “Macedonia” può essere utilizzato solo per riferirsi all’omonima provincia greca e non può essere adottato dal governo di Skopje.

La disputa, che va avanti da quando il paese ha ottenuto l’indipendenza dalla Jugoslavia nel 1991, impedisce tra l’altro alla Macedonia di entrare nella NATO e nell’Unione europea a causa del veto della Grecia.

Nonostante la retorica nazionalista, l’eventuale caduta del governo Tsipras non metterebbe in crisi l’accordo raggiunto con il governo di Skopje, che continuerebbe il suo iter in un Parlamento che sembra intenzionato a mettere fine a una disputa che va avanti da 27 anni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo