Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

Chapecoense, il pilota e la compagnia aerea ritenuti responsabili dell’incidente aereo

Un'indagine boliviana sostiene che il pilota morto nell'incidente e la linea LaMia siano direttamente responsabili del disastro aereo costato la vita a 71 persone

Di TPI
Pubblicato il 21 Dic. 2016 alle 16:49 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:48
0
Immagine di copertina

Il pilota e la compagnia aerea del volo precipitato in Colombia il 28 novembre 2016, a bordo del quale si trovavano anche alcuni giocatori della squadra brasiliana Chapecoense, sono stati ritenuti direttamente responsabili da un’inchiesta delle autorità boliviane, secondo quanto riferito da un funzionario locale. L’incidente aereo è costato la vita a 71 persone, inclusi 19 calciatori del team brasiliano.

Il voto era operato dalla compagnia boliviana LaMia e solo sei persone sono sopravvissute allo schianto. Una registrazione audio del pilota ha evidenziato che l’aereo era senza carburante quando è precipitato.

Il pilota Miguel Quiroga, morto nell’incidente, era un co-proprietario della linea aerea. Nella registrazione degli attimi prima dello schianto la sua voce dice che il volo si trova in “avaria elettrica totale” e “senza carburante”, ma il pilota non ha proceduto a fare una formale chiamata d’emergenza.

L’amministratore delegato di LaMia, Gustavo Vargas Gamboa, e suo figlio, in precedenza funzionario dell’autorità d’aviazione boliviana, sono attualmente imputati nel processo e negano di aver commesso illeciti. 

Parallelamente all’indagine boliviana c’è anche un filone d’inchiesta che prosegue in Colombia e che mira a chiarire le eventuali responsabilità dell’accaduto.

— Leggi anche: IL GIOCATORE DELL’ANNO BRASILIANO DEL 2016 È UNO DEI MORTI DEL DISASTRO AEREO DELLA CHAPECOENSE

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.