Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

Sei persone uccise in un attacco di al-Shabaab in Kenya

L'aggressione è avvenuta nel nordest del paese, che confina con la Somalia, ed è solo l'ultima di una lunga serie di incursioni dei miliziani estremisti

Di TPI
Pubblicato il 6 Ott. 2016 alle 08:15 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:49
0
Immagine di copertina

Sei persone sono rimaste uccise in un attacco nel nordest del Kenya giovedì 6 ottobre 2016. La responsabilità è stata attribuita da subito ai miliziani islamisti appartenenti al gruppo estremista somalo al-Shabaab.

La regione di Mandera, al confine con la Somalia, è spesso teatro di incursioni di al-Shabaab. Il gruppo ha infatti dichiarato che proseguirà la sua campagna di attacchi nel paese finché il governo keniano non ritirerà le sue truppe dalla Somalia. 

I soldati keniani sono impiegati nelle forze dell’Unione africana mandate a combattere i miliziani estremisti.

A dare notizia dell’attacco è stato, via Twitter, il governatore di Mandera, Ali Roba. “Non fosse stato per la rapida reazione delle nostre forze di sicurezza, le vittime sarebbero molte di più”, ha dichiarato Roba a Reuters, aggiungendo che la natura e lo stile dell’attacco non lasciano dubbi circa i suoi autori.

Al-Shabaab ha più tardi rivendicato l’aggessione e l’uccisione di “sei cristiani”, colpiti presumibilmente mentre dormivano nelle loro abitazioni.

Secondo il quotidiano locale Daily Nation, l’episodio è avvenuto in un cantiere di opere pubbliche nella prima mattinata.

Gli attacchi dei miliziani islamisti in Kenya hanno causato centinaia di vittime negli ultimi tre anni e messo in difficoltà il turismo, settore vitale per l’economia del paese africano.

Le aggressioni si sono concentrate nel nordest, lungo un esteso e poroso confine con la Somalia, ma il gruppo ha colpito anche aree costiere popolate di turisti e la capitale Nairobi, dove un uomo armato appartenente ad al-Shabaab aveva attaccato il centro commerciale Westgate nel 2013 uccidendo oltre 60 persone.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.