Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il documentario vincitore a Cannes che racconta i volti della Francia rurale

Immagine di copertina

La regista Agnès Varda e lo street artist JR si sono uniti per un viaggio unico, confrontando generazioni lontane tra loro. Ecco il trailer di “Visages, villages”

Qui sopra il video Visages, villages. Se non riesci a visualizzarlo correttamente sarà necessario mettere in pausa Adblock e ricaricare la pagina.

Agnès Varda è una fotografa, regista e artista visuale. È l’unica donna ad aver fatto parte della Nouvelle Vague, confraternita che negli anni Sessanta ha rivoluzionato il cinema raccontando il disagio delle nuove generazioni con un linguaggio prezioso e raffinato.

JR è uno street artist indipendente e deve la sua reputazione ai collage giganteschi che incolla nel cuore delle metropoli, lontano dai musei di arte contemporanea.

Entrambi sono accomunati dalla passione per la rappresentazione dei volti, delle forme che escono dai confini, dalla ricerca dell’avventura, del nuovo, dell’inusuale.

Lui ha 34 anni, lei 88: due generazioni lontanissime che si sono incontrate per realizzare un documentario attraverso la Francia rurale. Un territorio nuovo per JR, considerato artista urbano; un ritorno alle origini per Agnès Varda.

Il film, presentato al Festival di Cannes, si è aggiudicato il premio L’Oeil D’Or per il miglior documentario.

L’originale viaggio dei due artisti si compie a bordo del camioncino di JR, sul cui fianco è riportata la stampa di una grande macchina fotografica. Il mezzo funziona anche da studio fotografico ed è equipaggiato con un sistema in grado di produrre stampe di grandi dimensioni.

Questa è l’idea che conduce il loro tragitto: le persone incontrate diventano il soggetto di una serie di foto, che vengono poi affisse sui muri dei villaggi, stimolando un dibattito sul tema dell’identità.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid