Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I violenti scontri tra migranti a Calais

Immagine di copertina

Quattro minorenni sono in condizioni critiche per i colpi da arma da fuoco durante la rissa

Sono almeno quattro i giovani migranti in gravissime condizioni per i proiettili che li hanno colpiti durante la violenta rissa scoppiata la sera di giovedì 1 febbraio 2018 a Calais, nel nord della Francia sul canale della Manica.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

I ragazzi, tra i sedici e diciotto anni, riportano ferite alle vertebre cervicali, al torace, all’addome e alla spina dorsale, secondo quanto riporta l’agenzia stampa AFP.

Atri ventidue migranti sono rimasti feriti nei violenti scontri scoppiati in due diversi punti tra gruppi di eritrei ed afgani mentre erano in fila per la distribuzione dei pasti da parte di alcune associazioni.

Nel porto di Calais vivono centinaia di migranti, accampati in una tendopoli improvvisata, in attesa di varcare il confine e raggiungere il Regno Unito.

Dallo sgombero della “Giungla”, la più grande baraccopoli di migranti d’europa, il governo francese si è rifiutato di aprire un campo regolare, portando all’insediamento spontaneo di numerosi campi illegali da cui i migranti partono nascondendosi nei camion o correndo lungo il tunnel che separa i due paesi, rischiando di essere investiti.

Leggi anche: Calais, l’ultimo confine

Le risse non hanno portato ad alcun arresto, ma è attualmente ricercato un trentasettenne afgano, sospettato di aver sparato sul gruppo coinvolto negli scontri.

Il ministro dell’Interno francese Gerard Collomb si è appellato alle associazioni che operano nella zona, sostenendo che “non ci può essere un’organizzazione selvaggia” della distribuzione di cibo, e ha ribadito che il governo vuole evitare che i migranti permangano stabilmente nella zona.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid