Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cos’è il “Rape Day”, il videogioco in cui si stuprano le donne, e come si è riusciti a bloccarlo

Immagine di copertina

Si chiama Rape Day, ed è un gioco che pone la persona nei panni di un uomo che ha la possibilità di molestare, stuprare e uccidere donne durante lo svolgimento della storia.

Una “visual novel”, ovvero romanzo interattivo a base di immagini e testo, incentrata su oltre 500 immagini e più di 7000 parole che includono “violenza, violenza sessuale, sesso non consensuale, linguaggio osceno, necrofilia e incesto”.

La sua anteprima è rimasta a disposizione degli “appassionati” di videogiochi per circa tre settimane. Doveva uscire quest’anno sulla piattaforma Steam della società americana Valve.

“Il gioco è rivolto al quattro per cento della popolazione, i sociopatici, contenti di interpretare un minaccioso assassino seriale durante un’apocalisse di zombie”: così lo descrive lo sviluppatore Desk Plant.

Il gioco, però, è stato rimosso da Steam, la piattaforma che lo avrebbe messo in circolazione dal prossimo aprile.

In realtà ne è stata impedita la pubblicazione, visto che finora era stata caricata solo la pagina ufficiale dello store. Valve lo ha comunicato ufficialmente spiegando anche il motivo della sua decisione.

L’annuncio della pubblicazione aveva infatti scatenato le proteste sui social, dalle quali era nata una petizione su Change.org costringendo Valve a fare marcia indietro.

Steam ha avvertito che Rape Day non vedrà mai la luce.

“Dopo averne discusso, siamo arrivati alla conclusione di considerare Rape Day come un gioco che ha presenta diversi rischi e per questo non arriverà su Steam. Rispettiamo la volontà degli sviluppatori di esprimersi, e lo scopo di Steam è quello di aiutare gli sviluppatori a trovare un pubblico, ma questo sviluppatore ha reso la cosa molto difficile attraverso il contenuto del gioco e il modo di rappresentarlo”.

A maggio del 2018, Valve era finita in un’altra bufera negli Stati Uniti per un videogame, chiamato ‘Active Shooter’, che simulava una sparatoria in una scuola. Anche in quel caso, il gioco fu rimosso da Steam dopo le polemiche.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”