Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il video in cui l’ascesa di Trump diventa una scena di Ritorno al futuro

Immagine di copertina

Nel secondo film della serie, uscito nel 1989, il protagonista Marty McFly si trovava a combattere una versione del suo nemico Biff Tannen ispirata proprio al magnate

Ritorno al futuro:
una delle saghe cinematografiche più amate di sempre, che tra il 1985 e il 1990
produsse tre film ormai considerati classici grazie all’interpretazione di
Michael J. Fox nel ruolo di Marty McFly e all’intrigante idea del viaggio nel
tempo alla base della trama.

In particolare, nella seconda pellicola, Ritorno al futuro – Parte II, del 1989,
il giovane che nel primo film aveva avuto modo di viaggiare dal 1985 (il suo
presente) al 1955, modificando così gli avvenimenti precedenti alla sua
nascita, si trova a fare i conti con un presente alternativo da incubo, in cui
i suoi cari hanno fatto una pessima fine e il suo più grande nemico è diventato
un uomo potentissimo.

Biff Tannen, questo il suo nome, non era che un giovane
bullo nel 1955, ma nel 1985 “alternativo” è un milionario che ha fatto fortuna
grazie al gioco d’azzardo, attraverso l’utilizzo di un almanacco rubato nel
futuro per conoscere in anticipo le più grandi vittorie sportive.

Quando Marty McFly si ritrova in questa realtà distopica, la
sua città, Hill Valley, da ridente borgo si è trasformata in un panorama
apocalittico di mendicanti, gang criminali e sporcizia, su cui svetta enorme un
grattacielo innalzato da Biff per autocelebrarsi.

(Di seguito una clip tratta dal film. L’articolo continua in basso)

Lo sceneggiatore Bob Gale, che insieme a Robert Zemeckis
scrisse il film, ha fatto recentemente presente che il personaggio di Biff
nella sua versione milionario era palesemente ispirato a Donald Trump, al quale
assomigliava per i capelli biondi e lo stile appariscente, oltre a suggerire
implicitamente un giudizio negativo sul magnate per lo stato di distruzione in
cui il suo emulo aveva portato la città.

Per sottolineare ancora di più la somiglianza con Trump, un
utente di YouTube, James Montalbano, ha realizzato un montaggio video in cui le
immagini televisive che nel film mostravano l’ascesa di Biff a celebrità sono
sostituite da quelle del nuovo presidente degli Stati Uniti. Eccolo:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Esteri / Ucraina, referendum in Donbass: vincono i sì con oltre il 90%
Esteri / Iran, la minaccia della polizia per piegare la rivoluzione: “Useremo tutta la forza”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Esteri / Ucraina, referendum in Donbass: vincono i sì con oltre il 90%
Esteri / Iran, la minaccia della polizia per piegare la rivoluzione: “Useremo tutta la forza”
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare