Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Lo scioccante video dell’arresto di due tossicodipendenti da oppioidi in Florida

Immagine di copertina
Fonte: Facebook

Il video denuncia è stato postato sul profilo Facebook dell'Ufficio dello Sceriffo della Contea di Volusia e in pochi giorni è stato visualizzato più di 100mila volte

L’Ufficio dello Sceriffo della Contea di Volusia in Florida, Stati Uniti, ha pubblicato sul suo profilo Facebook un video che mostra l’arresto di due persone dipendenti da oppioidi svenute all’interno di una macchina. Insieme a loro, identificati come Sean Gannon e Kimberly McCaffrey, c’era la figlia di otto mesi di quest’ultima, addormentata nel retro della vettura.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Una scelta forte per denunciare una vera e propria piaga che non affligge solo la piccola località costiera di Volusia, ma tutti gli Stati Uniti. Tanto da aver costretto recentemente il presidente Donald Trump a dichiarare la crisi degli oppioidi un’emergenza sanitaria pubblica a livello nazionale.

Il video è stato visualizzato più di 100mila in poco meno di due settimane e ha dato il via a un acceso dibattito sui social. Lo sceriffo della Contea di Volusia, Michael J. Chitwood, ha presentato così la decisione di pubblicarlo online al “The New York Times”: “Quel piccolo frammento di video è la dimostrazione di come l’epidemia degli oppioidi sia diventata parte integrante della nostra società. Una piaga che sta distruggendo intere famiglie”.


Lo sceriffo ha detto di essere consapevole del fatto che la scelta di rendere pubblico il momento dell’arresto possa rappresentare un danno alla privacy della coppia, ma ha difeso la decisione riconoscendo la forza del messaggio che si nasconde dietro queste immagini tanto crude.

L’uomo e la donna che si vedono nel filmato, il trentatreenne Sean Gannon e la trentaquattrenne Kimberly McCaffrey, si trovano ancora in prigione. Secondo il rapporto della polizia, Gannon è stato incriminato per guida con patente sospesa e possesso di stupefacenti, e McCaffrey per abbandono di minore e possesso di oppioidi. La bambina è stata affidata in custodia al Florida Department of Children and Families.

Secondo dati federali, nel 2016 più di 64mila persone sono morte di overdose negli Stati Uniti. Nello stesso anno, solo nella Contea di Volusia in Florida i morti sono stati 101, quasi il doppio rispetto al 2015.

LEGGI ANCHE: L’epidemia degli oppioidi sta devastando gli Stati Uniti e questi dati lo dimostrano

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l'obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto