Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il vertice di Vienna sulla Siria non ha stabilito quando riprenderanno i colloqui di pace

Immagine di copertina

L'opposizione siriana ha fatto sapere che non tornerà al tavolo negoziale se non sarà consentito l'accesso agli aiuti umanitari e non sarà implementata una tregua totale

Il vertice internazionale dei ministri degli esteri, che si sono incontrati martedì 17 maggio 2016 a Vienna, non ha portato a un accordo sulla data in cui riprenderanno i colloqui di pace sulla Siria, mentre l’opposizione siriana ha detto che non tornerà al tavolo negoziale di Ginevra se le condizioni all’interno del paese non miglioreranno.

L’incontro in Austria è stato pervaso da un’atmosfera pessimistica, anche se sia i paesi sostenitori del presidente Bashar al-Assad che quelli schierati in favore dei suoi nemici hanno promesso di impegnarsi per rivitalizzare il cessate il fuoco e il processo di pace.

In una dichiarazione congiunta, gli Stati Uniti e i leader europei e mediorientali che si oppongono ad Assad, insieme a Russia e Iran, che lo appoggiano hanno invitato le parti a una tregua e invocato l’accesso per gli aiuti umanitari.

Hanno inoltre richiesto al World Food Programme (Wfp) di organizzare il lancio aereo di cibo, medicine e acqua per soccorrere le comunità sotto assedio, se una delle parti dovesse negare la consegna delle forniture via terra.

Tuttavia, non hanno trovato un accordo sulla data in cui i colloqui di pace di Ginevra dovranno riprendere. I negoziati erano stati interrotti il mese scorso dopo che la delegazione dell’opposizione ha abbandonato il tavolo, accusando il governo di ignorare il cessate il fuoco. 

Nelle ultime settimane i combattimenti si sono intensificati, soprattutto nell’area di Aleppo, la seconda città della Siria, inclusi attacchi che rappresentano crimini di guerra come quelli su strutture mediche e campi profughi.

 “Se gli aiuti umanitari non raggiungeranno tutti, se gli assedi non verranno tolti e se una tregua completa non verrà implementata e rispettata, non ci saranno negoziati”, ha dichiarato il capo negoziatore dell’opposizione, rappresentata dall’Alto comitato per i negoziati (Hnc), Asaad al-Zoubi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti