Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Vertice a Versailles, leader Ue appoggiano Europa a più velocità

Immagine di copertina

All'incontro a quattro che si è tenuto in Francia, il premier Gentiloni e il presidente francese Hollande hanno chiesto più sforzi da Ue per la difesa

Il vertice a Versailles tra i leader di Italia, Germania, Francia e Spagna lunedì 6 marzo 2017 si è concluso con il sostegno delle quattro maggiori economie comunitarie a un’Europa a più velocità.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Gentiloni, Merkel, Hollande e Rajoy si sono incontrati nella reggia di Versailles, in Francia, per preparare l’incontro che si terrà a Roma il 25 marzo, in occasione del 60esimo anniversario del trattato di Roma.

L’obiettivo era quello di ripensare a come sarà l’Unione europea dopo l’uscita del Regno Unito. L’esito è stato la difesa del modello di integrazione europea a più velocità, in cui ogni paese compie il suo autonomo percorso di integrazione.

Il premier italiano Paolo Gentiloni ha detto che serve un’Europa “più integrata ma che possa consentire diversi livelli di integrazione”.

“È giusto e normale che i paesi possano avere ambizioni diverse e che a queste ambizioni ci siano risposte diverse, mantenendo il progetto comune”, ha aggiunto. La priorità per il premier è di avere “un’Europa sociale, che guardi alla crescita e agli investimenti. Un’Europa in cui chi rimane indietro non consideri l’Ue come una fonte di difficoltà, ma come una risposta alle proprie difficoltà. E non siamo ancora a questo livello”.

Sia Hollande che Gentiloni hanno chiesto un maggiore impegno dell’Ue per la difesa.

L’Ue deve saper dimostrare “la solidarietà a 27, ma anche la capacità di avanzare a ritmi diversi“ tra i diversi stati, ha detto il presidente francese Francois Hollande, parlando di “nuove forme di cooperazione differenziata”. Il capo dell’Eliseo, il cui mandato scadrà a breve, ha detto che “la priorità è quella di un’Europa sicura, è la prima domanda che ci fanno continuamente i cittadini, e questo presuppone un’Europa della difesa”.

“L’Europa è stata costruita sulla pace, Versailles ne è uno dei simboli”, ha detto invece la cancelliera tedesca Angela Merkel, “ma se ci fermiamo tutto quello che abbiamo costruito potrebbe crollare”.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati
Esteri / Ungheria, Orban sfida l'Ue: "Un referendum sulla legge anti-Lgbtq"