Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Usa, il voto anticipato batte ogni record: più di 70 milioni di americani hanno già votato

Immagine di copertina
Trump e Biden Credits: Ansa

La pandemia di Coronavirus, la paura dei ritardi postali e le idee contrastanti dei candidati alla presidenza, hanno spinto i cittadini americani a votare anticipatamente come non era mai accaduto prima nella storia delle presidenziali Usa. A una settimana dal giorno delle elezioni secondo i dati dell’Elections Project degli Stati Uniti, il voto anticipato ha già superato la metà del numero totale delle schede che furono conteggiate durante nel 2016.

A partire da martedì pomeriggio più di 69,5 milioni di americani avevano già inviato le loro schede o votato di persona: si tratta del 50,4 per cento del numero totale di voti che sono stati contati nel 2016.

La stessa cosa è successa in alcuni Stati chiave: il Texas ha già ricevuto quasi l’87 per cento dei voti conteggiati alla fine nelle elezioni del 2016, la Florida ne ha già ricevuto più di due terzi, la Carolina del Nord il 72 per cento e la Georgia il 71 per cento. Wisconsin e Michigan si stanno entrambi avvicinando alla stessa soglia.

“I numeri sono sbalorditivi”, ha scritto Michael P. McDonald, professore di Scienze politiche all’Università della Florida che raccoglie i dati per il progetto elettorale, in una recente analisi per lo United States Elections Project, che segue da vicino il voto anticipato. Nella sua analisi McDonald afferma che il ritmo attuale del voto anticipate in alcuni Stati potrebbe portare a superare il totale dei voti del 2016 già questa settimana.

I democratici hanno avuto molte più probabilità di votare presto per posta rispetto ai repubblicani, mentre i repubblicani hanno avuto un po’ più di probabilità di votare di persona rispetto ai democratici. Questa significa che il voto di persona che sarà riportato il giorno delle elezioni ha maggiori probabilità di mostrare i primi risultati repubblicani mentre i democratici potranno guadagnare terreno in un secondo momento poiché i voti per posta saranno conteggiati anche nei giorni successivi. Il presidente Trump ha ripetutamente inveito contro il voto per corrispondenza come possibile veicolo di frodi elettorali.

TPI SPECIALE ELEZIONI USA 2020

Leggi anche: Ecco perché queste saranno le elezioni più importanti della storia americana

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa: polizia spara e uccide afroamericano su sedia a rotelle. Anthony Lowe ha cercato di fuggire
Esteri / Mosca, compra un vitello online e lo porta a spasso in Piazza Rossa: arrestata
Esteri / Cerca una sosia su Instragram e la uccide per inscenare la propria morte
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa: polizia spara e uccide afroamericano su sedia a rotelle. Anthony Lowe ha cercato di fuggire
Esteri / Mosca, compra un vitello online e lo porta a spasso in Piazza Rossa: arrestata
Esteri / Cerca una sosia su Instragram e la uccide per inscenare la propria morte
Esteri / Minorca, “ormeggia” la barca sul balcone: “Così risparmio 70 euro”
Esteri / Canada, la British Columbia depenalizza le droghe pesanti
Esteri / Papa Francesco in Congo: "L’Africa non è una miniera da sfruttare"
Esteri / Iran, coppia di blogger balla in piazza della Libertà: condannati a 10 anni di carcere
Esteri / Xi Jinping visiterà la Russia in primavera: l’annuncio di Mosca
Esteri / A scuola di Nazismo in Ohio: così una coppia voleva insegnare agli studenti che Hitler era buono
Esteri / Donna italiana si denuda a bordo di un aereo: “Voleva passare in prima classe”. Arrestata