Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

Usa, lascia i figli di un anno in auto: i bambini muoiono per il caldo eccessivo a 42 gradi

La tragedia a New York. L'uomo è accusato di omicidio colposo

Di Donato De Sena
Pubblicato il 29 Lug. 2019 alle 08:15 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 01:53
0
Immagine di copertina

Usa, bambini di un anno lasciati in auto morti per il caldo eccessivo a 42 gradi

Due bambini di un anno lasciati dal papà in auto sono morti per il caldo eccessivo, per la temperatura salita all’interno della vettura a 42 gradi. È una tragedia avvenuta negli Stati Uniti, precisamente a New York, nel Bronx.

Il padre dei piccoli, Juan Rodriguez, è ora accusato di omicidio colposo. I due bambini, due gemelli, Luna e Phoenix, sono stati lasciati dall’uomo in macchina per molte ore, dalle 8 del mattino fino alle 4 del pomeriggio, nel parcheggio dell’ospedale James J. Peters, dove Rodriguez lavora come assistente sociale

L’uomo, disperato e straziato per aver l’uccisione dei suoi figli, si è dichiarato non colpevole. Ora la famiglia e gli amici lo difendono descrivendolo come un “bravo papà”. “Questa è una situazione orribile”, ripetono.

> Usa, sparatoria durante un evento in California: almeno 4 morti e 15 feriti, ucciso anche il killer

I bambini sono rimasti al caldo all’interno di una Honda Accord. Solo alle quattro del pomeriggio, quando Rodriguez stava guidando per rientrare a casa, l’uomo si è accorto dei due gemelli ormai morti.

“E’ una tragedia di orribili proporzioni. Non consolabile. Sta ancora cercando di capire”, ha dichiarato l’avvocato di Rodriguez, sottolineando che il suo assistito continua a godere del sostegno “della moglie e della famiglia”. “Supereranno questa tragedia”, ha detto il legale.

“È terribile, sono una bella famiglia”, è stato invece il commento di Tony Caterino,un  vicino di casa dei Rodriguez, che hanno cinque figli. “È stato un orribile errore, uno di quelli che ti porti dietro tutta la vita”, ha aggiunto. “Una buona famiglia di grandi lavoratori. Sono scioccato”, ha osservato infine Paul Bartlett, un altro vicino.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.