Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Usa, pianificava attacchi alla Casa Bianca con razzi anticarro: arrestato 21enne “radicalizzato”

Immagine di copertina

L'uomo pianificava attentati alla Casa Bianca e in altri luoghi significativi di Washington Dc

Il 16 gennaio 2019 i federali hanno arrestato in Georgia, negli Stati Uniti, un uomo che pianificava attentati alla Casa Bianca e contro altri luoghi significativi di Washington Dc.

L’uomo, identificato come Hasher Jallah Taheb, voleva impiegare esplosivo e razzi anticarro nei suoi attacchi, secondo quanto affermato dall’Fbi nei documenti depositati in uno dei tribunale di Atlanta.

Hasher Jallah Taheb era già noto alle forze dell’ordine: era da tempo nel mirino della task force antiterrorismo di Atlanta, di cui fa parte anche l’Fbi

Secondo quanto riporta l’Atlanta Journal-Constitution, Hasher Jallah Taheb, 21 anni, originario di Cumming, in Georgia, è comparso in tribunale e il suo piano è stato scoperto grazie alle rivelazioni di un informatore dell’Fbi: Taheb aveva concordato di dare all’informatore la sua auto in cambio di armi ed esplosivo.

La Casa Bianca non era l’unico obiettivo dell’uomo: secondo la Abc, Hasher Jallah Taheb voleva anche attaccare il Washington Monument, il Lincoln Memorial e una sinagoga.

Taheb, che non possiede un passaporto statunitense, secondo le autorità si era radicalizzato, come da lui stesso confessato ad un agente dell’Fbi sotto copertura.

Nel corso della conferenza stampa seguita all’arresto, gli agenti hanno spiegato che credono che stesse agendo da solo.

“Taheb è stato incriminato dopo un anno di indagini”, hanno precisato agenti dell’Fbi, che hanno anche spiegato che il loro lavoro era iniziato dopo una segnalazione anonima arrivata nel marzo del 2018, in cui si riportava la radicalizzazione di Taheb.

L’uomo di recente aveva cambiato nome e secondo le autorità stava pianificando un nuovo viaggio all’estero.

Gli agenti dell’Fbi dopo la segnalazione hanno aperto un canale di comunicazione con Taheb che, nell’agosto 2018, stava cercando di vendere la sua auto per raccogliere fondi per viaggiare all’estero, in particolare nei territori sotto il controllo dell’Isis.

A dicembre dello stesso anno Taheb avrebbe poi confessato ad un agente sotto copertura di voler colpire la Casa Bianca e altri luoghi di Washington.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane