Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una sentenza contro l’austerità

Immagine di copertina

La Corte Costituzionale portoghese blocca alcuni tagli salariali previsti dal pacchetto austerità del governo

La più alta corte del Portogallo ha stabilito l’illegalità di alcuni dei tagli salariali impopolari previsti all’interno del bilancio statale di quest’anno, privando il governo di circa 1,4 miliardi di euro di entrate.

La decisione della corte dello scorso venerdì è una brusca battuta d’arresto per la strategia di austerità concordata tra il governo e i creditori esteri. Lisbona ha ricevuto 78 miliardi di euro dal Fondo Monetario Internazionale e dall’Unione Europea in cambio dell’introduzione di tagli alla spesa e aumenti delle tasse.

La Corte Costituzionale del Portogallo ha impugnato quattro delle nove misure di austerità introdotte lo scorso anno. La sentenza ha lasciato il governo senza 1,4 miliardi di euro di introiti, più di un quinto dei 5 miliardi previsti dal pacchetto di austerità del 2013.

Nella sentenza si legge che le misure di bilancio che riguardano indennità di ferie per dipendenti pubblici e pensionati, e altri tagli di austerità che riducono le indennità di malattia, sono incostituzionali. Per la Corte le misure individuate erano in contrasto con le garanzie di parità scritte nella Costituzione del Paese. I lavoratori del settore privato infatti non sono interessati dalle misure di austerità.

In un discorso tenuto domenica, il primo ministro Pedro Passos Coelho ha avvertito che il suo governo sarebbe stato costretto a tagliare ancora di più la spesa pubblica.

Nel maggio 2011, il Portogallo è diventato il terzo Paese della zona euro, dopo la Grecia e l’Irlanda, a negoziare un piano di salvataggio internazionale. Da allora, tuttavia, il Portogallo non è riuscito a raggiungere i suoi obiettivi di bilancio previsti. La sua economia ha invece continuato a sprofondare in una delle recessioni più gravi e prolungate in Europa, stimolando scioperi e manifestazioni.

Il Portogallo ha l’obiettivo di ridurre il deficit di bilancio al 5,5 per cento del prodotto interno lordo quest’anno dal 6,4 per cento nel 2012. Ma la recessione ha spinto il tasso di disoccupazione del Portogallo al 17.5 per cento. L’economia portoghese si è inoltre contratta del 3,2 per cento lo scorso anno e la Banca del Portogallo prevede un’ulteriore riduzione del 2,3 per cento quest’anno, il terzo consecutivo di recessione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce