Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un terzo delle morti premature in Europa è evitabile

Immagine di copertina

Secondo l'Eurostat, le morti sono considerate evitabili se con delle terapie puntuali ed efficaci si sarebbe potuto prevenire un decesso prematuro

L’Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione Europea, ha condotto una ricerca secondo la quale un terzo delle morti di cittadini europei nel 2013 (ultime statistiche disponibili) sarebbe stata evitabile in caso di un’adeguata assistenza sanitaria.

I dati sono stati elaborati “alla luce dell’attuale conoscenza medica e tecnologica”. Le morti sono considerate evitabili se, al di sotto ai 75 anni di età, con delle terapie puntuali ed efficaci si sarebbe potuto prevenire un decesso prematuro.

La statistica fa emergere sostanziali differenze fra i 28 paesi dell’Ue in termini di gestione dei sistemi sanitari e di adeguate campagne di prevenzione. Tuttavia, spiega l’Eurostat, dai risultati della ricerca non può emergere una valutazione oggettiva e onnicomprensiva della situazione socio-sanitaria e medica di un paese.

Nel 2013, sono deceduti 1,7 milioni di europei sotto i 75 anni, il 33,7 per cento dei quali (577.500 persone) si sarebbe potuto salvare.

La maggior parte delle morti evitabili è dovuta ad attacchi di cuore (32 per cento, 184mila decessi), ictus (16 per cento, 94mila decessi), cancro al colon (12 per cento, 67mila decessi), ipertensione (5 per cento, 28mila decessi), polmonite (4 per cento, 24mila decessi).

La Francia è il paese dove il fenomeno è più limitato (solo il 23,8 per cento dei casi è potenzialmente evitabile), seguita da Danimarca (27,1 per cento), Belgio (27,5 per cento) e Olanda (29,1 per cento).

I paesi che chiudono negativamente la classifica sono concentrati nell’Europa orientale: Romania (49,4 per cento), Lettonia (48,5 per cento), Lituania (45,4 per cento) e Slovacchia (44,6 per cento).

L’Italia è in linea con la media europea con il 33 per cento di morti evitabili, per un totale di circa 52mila decessi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Madre di 32 anni strangola i figli e poi tenta il suicidio: salvi lei e il bimbo di 7 mesi
Esteri / Denuncia anonima a scuola: “Quella mamma ha OnlyFans”. Tagliata fuori da tutte le attività scolastiche
Esteri / “Donna incinta condannata a morte”: continuano le proteste in Iran
Ti potrebbe interessare
Esteri / Madre di 32 anni strangola i figli e poi tenta il suicidio: salvi lei e il bimbo di 7 mesi
Esteri / Denuncia anonima a scuola: “Quella mamma ha OnlyFans”. Tagliata fuori da tutte le attività scolastiche
Esteri / “Donna incinta condannata a morte”: continuano le proteste in Iran
Esteri / Ucraina, allarme antiaereo a Kiev e in gran parte del Paese. Zelensky chiede jet e missili
Esteri / Spagna, attacco in due chiese con un machete: una vittima e quattro feriti. Si indaga per terrorismo
Esteri / Biden conferma l'invio di 31 carri armati Abrams in Ucraina: "Non è un'offensiva contro la Russia, aiutiamo Kiev a difendersi"
Esteri / Marocco ed Arabia Saudita firmano un accordo di cooperazione nella lotta al terrorismo
Esteri / Il video shock dal fronte ucraino: i soldati immersi nella “jacuzzi” militare
Esteri / Domandano aiuto alla nonna materna per tenere il nipote, lei chiede 20 euro l’ora più extra
Esteri / La reazione di Mosca all'invio dei tank americani in Ucraina: "Li distruggeremo"