Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

Un gruppo terroristico affiliato ad al-Qaeda ha rivendicato il doppio attentato a Damasco

Due esplosioni hanno ucciso almeno 40 persone nella città siriana. Il gruppo Hayat Tahrir al-Sham ha detto che l'attacco era un messaggio contro l'Iran

Di TPI
Pubblicato il 13 Mar. 2017 alle 10:04 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:52
0
Immagine di copertina

Un gruppo jihadista siriano affiliato ad al-Qaeda ha rivendicato la responsabilità per il doppio attentato di sabato 11 marzo 2017 contro i pellegrini sciiti a Damasco, che ha provocato la morte di almeno 40 persone. I miliziani del gruppo Hayat Tahrir al-Sham hanno detto che l’attacco era un messaggio contro il supporto dell’Iran, un paese a maggioranza sciita, al presidente siriano Bashar al Assad.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Gli attacchi si sono verificati presso una stazione degli autobus, dove i pellegrini erano stati condotti per visitare il vicino cimitero di Bab al-Saghir, che prende il nome da una delle sette porte della Città Vecchia di Damasco. Due esplosioni si sono registrate nel giro di dieci minuti.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, il bilancio dei morti è di 74, ma l’informazione non è stata confermata. Secondo quanto dichiarato dal ministero degli Esteri iracheno, le vittime erano pellegrini iracheni. Altri 120 persone che si stavano recando a pregare nel vicino santuario sono rimaste ferite.

Hayat Tahrir al-Sham è un nuovo gruppo jihadista formato da Jabhat Fateh al-Sham (in precedenza Fronte al-Nusra) e quattro fazioni più piccole. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.