Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’ultima parola sulla Brexit spetterà al parlamento del Regno Unito

Immagine di copertina

La Camera dei Lord ha approvato un emendamento secondo il quale il governo May dovrà sottoporre la decisione finale dei negoziati con l'Ue al voto parlamentare

La Camera dei Lord ha approvato martedì 7 marzo 2017 un emendamento con il quale si stabilisce che l’ultima parola sulla Brexit spetta al parlamento britannico. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Con questo voto si vincola il governo guidato da Theresa May a sottoporre a un voto del parlamento il risultato dei negoziato per l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue. L’emendamento dovrà passare alla Camera dei Comuni dove il governo punta a rovesciarlo per evitare eventuali modifiche all’iter della Brexit. 

L’emendamento è stato approvato con 366 voti favorevoli e 268 contrari. 

Il ministro per la Brexit, David Davis, ha annunciato che il governo cercherà di rovesciare l’emendamento.

Il governo ha già promesso al Parlamento di poter votare sull’accordo finale, ma crede che le possibili restrizioni sull’azione della premier May potrebbero incoraggiare l’Unione europea a offrire un accordo meno vantaggioso nella speranza che le Camere britanniche lo rifiutino.

“Questo emendamento rende i negoziati più complicati”, ha dichiarato il ministro George Bridges.

In precedenza la Camera dei Lord aveva bocciato un altro emendamento che mirava a introdurre la possibilità di un nuovo referendum a conclusione dei negoziati tra Londra e Bruxelles. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Esteri / Putin regala un’auto di lusso a Kim Jong-Un in segno di “amicizia”
Esteri / Julian Assange, udienza decisiva: l'ultimo appello contro l'estradizione negli Usa
Esteri / Usa pongono il veto al Consiglio di sicurezza Onu sulla risoluzione dell'Algeria per una tregua nella Striscia. Israele, ministro Smotrich: riportare a casa gli ostaggi "non è la cosa più importante"
Esteri / Ucraina, media: “Gli Usa valutano la fornitura di missili a lungo raggio ATACMS a Kiev”
Esteri / Papua Nuova Guinea, scontri tra tribù rivali: almeno 49 morti
Esteri / Regno Unito: scatta il bando totale ai telefoni cellulari nelle scuole
Esteri / Le lettere di Navalny dal carcere: "Qui non è cambiato nulla dall'Urss"