Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Ue verso lo stop ai prodotti dal “lavoro forzato”: nel mirino la Cina

Immagine di copertina

L’Ue verso lo stop ai prodotti dal “lavoro forzato”: nel mirino la Cina

La Commissione europea ha presentato una proposta di legge “per proibire i prodotti creati a partire dal lavoro forzato dal mercato dell’Unione”. Secondo il comunicato della Commissione “la proposta riguarda tutti i prodotti, vale a dire quelli fabbricati nell’UE per il consumo interno e per l’esportazione, e quelli importati, senza prendere di mira aziende o settori specifici. Questo approccio globale è importante perché si stima che 27,6 milioni di persone siano costrette al lavoro forzato, in molti settori e in ogni continente. La maggior parte del lavoro forzato avviene nell’economia privata, mentre una parte è imposta dagli Stati”. La proposta ha deluso diversi attivisti per la sua genericità. Non precisando i settori, le regioni o le aziende che ricorrono al lavoro forzato, l’identificazione dei prodotti da bandire viene lasciata nelle mani degli Stati membri, che dovranno indagare sui singoli prodotti se allertati da associazioni.

S&D

L’eurodeputato francese Raphaël Glucksmann è da anni in prima linea nella campagna contro lo sfruttamento degli Uiguri in Cina. Ieri si è detto soddisfatto sulla sua pagina Instagram, seguita da 800 mila persone “E’ fatta! La Commissione europea ha appena proposto un meccanismo per bandire i prodotti del lavoro forzato dai nostri mercati.Il testo ha delle lacune e lotteremo in Parlamento per renderlo più ambizioso e efficace, sui livelli di prove richiesti e sulle tempistiche ad esempio”. Si tratta comunque, secondo lui, di un passo importante “Quando penso alle prime reazioni della Commissione alla nostra campagna e alle nostre domande, la strada percorsa fino ad oggi è semplicemente folle…”.

Un’altra voce francese si è alzata a Strasburgo, criticando il provvedimento, è quella dei leader dei Verdi francese Jannick Jadot: “Dobbiamo fare come gli Stati Uniti e il Canada, in modo che quando c’è un sospetto, spetta all’azienda dimostrare che non utilizza il lavoro forzato nella sua produzione”. Senza un tale provvedimento i costi delle indagini ricadrebbero sugli stati membri, secondo Jadot, e creerebbero un sistema inefficiente. “Quindi, ad esempio, quando proviene dalla Corea del Nord, lo sappiamo, quando proviene da un certo numero di miniere in Africa, o da un certo numero di regioni dove lavorano i bambini e ovviamente quando proviene dalla Regione Autonoma Uigura, vietiamo le importazioni, tranne se l’azienda dimostra che anche in questa regione non ha usato il lavoro forzato”, ha spiegato a Euronews.

La misura degli Stati Uniti è considerata più un atto di guerra commerciale che un reale impegno per i diritti umani. Ma il paragone che gli osservatori hanno stabilito con la legislazione di Washington deriva anche dal fatto che diverse aziende occidentali sono state accusate di vendere prodotti fabbricati nei campi di lavoro cinesi. Proprio Glucksman ha pubblicato più volte “liste nere” di aziende compromesse, da Apple e Zara a Volkswagen.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi