Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Ue vuole vincolare gli aiuti all’Afghanistan al rimpatrio di 80mila migranti

Immagine di copertina

Un memo trapelato in questi giorni svela che l'Europa, pur riconoscendo l'instabilità del paese, potrebbe dover rimpatriare decine di migliaia di afghani

È emersa oggi la notizia, diffusa dal quotidiano britannico Guardian, che l’Unione Europea intende vincolare gli aiuti all’Afghanistan a un accordo sui migranti.

Nello specifico, l’Ue intenderebbe minacciare Kabul di ridurre gli aiuti se il paese non accetta di riaccogliere almeno 80mila dei richiedenti asilo respinti dall’Unione, tutto questo pur ammettendo che la situazione in Afghanistan sta peggiorando.

In un memorandum trapelato nei giorni scorsi si legge che l’Ue è “consapevole del deterioramento della situazione e dei rischi cui è esposta la popolazione” e anche del fatto che l’Afghanistan ha subito “livelli record di attacchi terroristici e vittime civili”.

“Malgrado ciò”, conclude, “oltre 80mila persone potrebbero potenzialmente dover essere rimandate in Afghanistan nel prossimo futuro”.

Tale aut-aut potrebbe essere sottoposto a Kabul durante la riunione con i donatori internazionali che converranno a Bruxelles la prossima settimana.

Ma all’Europa sembra sfuggire che, oltre alla critica situazione in materia di sicurezza, il subbuglio interno ha reso l’economia afghana ancora più fragile ed è proprio la carenza di posti di lavoro che spinge molti giovani a lasciare il paese e cercare fortuna nel nostro continente.

Sarebbe estremamente complicato per l’Afghanistan riassorbire 80mila persone, malgrado nel corso del 2016 cinquemila afghani abbiano già scelto volontariamente di abbandonare l’Europa e farvi ritorno.

L’Afghanistan resta uno dei principali, il secondo per l’esattezza, paesi di provenienza dei migranti in Europa. L’anno scorso hanno inoltrato domanda d’asilo 196.170 afghani.

Ma la strategia che l’Ue intende adottare nei confronti di Kabul è in realtà parte di un piano più ampio volto a vincolare gli aiuti ai paesi poveri (nonché paesi di origine dei migranti) al loro impegno a riaccogliere i propri cittadini espulsi dall’Unione.

Tuttavia, questo piano sembra tenere in scarsa considerazione, come appare evidente nel caso dell’Afghanistan, le condizioni interne dei paesi dove intende rimandare i migranti non graditi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice italo-turco, Erdogan: “Con Italia rapporti sempre più sviluppati”. Draghi: “Turchi partner, amici e alleati”
Esteri / InvestEU: la Commissione Europea e l’italiana Cassa Depositi e Prestiti firmano il primo accordo europeo di Advisory
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice italo-turco, Erdogan: “Con Italia rapporti sempre più sviluppati”. Draghi: “Turchi partner, amici e alleati”
Esteri / InvestEU: la Commissione Europea e l’italiana Cassa Depositi e Prestiti firmano il primo accordo europeo di Advisory
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena
Esteri / Burkina Faso, strage di cristiani in un villaggio. Ci sono almeno 22 morti
Esteri / Chi è Robert Crimo, il rapper arrestato per la sparatoria del 4 luglio in Illinois
Esteri / Guerra in Ucraina. Nato: Stoltenberg, avviata ratifica adesione Svezia-Finlandia
Esteri / Usa, sparatoria alla parata del 4 luglio nell’area di Chicago: “almeno 5 morti e 16 feriti”
Esteri / Ricky Martin accusato di violenza domestica nei confronti dell’ex
Esteri / Usa, 25enne afroamericano ucciso con 60 colpi di pistola dalla polizia durante in inseguimento: il video
Esteri / Anticipazione TPI – Il razzismo verso afroamericani e minoranze negli Usa raccontato da “Il fattore umano”