Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

“Tutti i miliziani dell’Isis a Mosul moriranno”, l’inviato Usa in Iraq

L'inviato americano nella coalizione internazionale Brett McGurk ha detto che le truppe irachene hanno intrappolato i jihadisti nella parte ovest della città irachena

Di TPI
Pubblicato il 13 Mar. 2017 alle 09:11 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 19:57
0
Immagine di copertina

Tutti i miliziani del sedicente Stato Islamico rimasti a Mosul moriranno. A dirlo è l’inviato americano nella coalizione internazionale Brett McGurk, parlando con i giornalisti a Baghdad.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

In questi giorni è in corso l’offensiva della coalizione per liberare la parte occidentale della roccaforte dell’Isis in Iraq, iniziata il 5 marzo 2017. 

McGurk ha spiegato che le truppe irachene hanno bloccato l’accesso all’ultima strada per liberare la città, intrappolando i miliziani nella parte ovest.

“Ogni combattente rimasto a Mosul sta per morire là. Noi siamo impegnati non solo per sconfiggerli, ma anche per assicurarci che non possano scappare”, ha detto ancora.

Secondo quanto riferito dal generale Maan al-Saadi, a capo dell’antiterrorismo, le forze governative controllano più di un terzo di Mosul ovest e ha stimato che la liberazione di questa ultima parte della città sarà più semplice rispetto a quanto avvenuto nella zona est, dove sono stati necessari oltre cento giorni di combattimenti dopo l’inizio dell’offensiva a ottobre 2016.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.