Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Turchia, stuprata e gettata dal 20esimo piano. La difesa degli aguzzini: “Non era illibata”

Immagine di copertina

I due responsabili sono stati condannati all'ergastolo con l'accusa di omicidio premeditato, stupro e sequestro di persona

Turchia, stuprata e gettata dal 20esimo piano, gli aguzzini: “Non era illibata”

In Turchia, una 23enne è stata stuprata e poi gettata dal 20esimo piano, gli aguzzini si sono difesi affermando che la ragazza “non era illibata”.

L’orrendo caso risale al 29 maggio del 2018, ma è tornato alla ribalta della cronaca dopo la condanna all’ergastolo dei due stupratori.

Sule Cet, studentessa 23enne all’università di Ankara, è stata trovata morta ai piedi di un lussuoso grattacielo della capitale turca.

La polizia archiviò subito la vicenda come suicidio, nonostante la dinamica fosse alquanto strana e la ragazza presentasse sin da subito i segni evidenti della violenza subita.

Dopo le pressioni della famiglia, il caso viene riaperto e la verità emerge.

Si scopre, così, che la sera in cui è morta, Sule ha ricevuto un sms dal suo datore di lavoro, l’imprenditore 40enne Çağatay Aksu, in cui l’uomo invitata la ragazza a raggiungerlo per un drink.

La giovane, dunque, si reca nel grattacielo dove si trova anche un amico di Aksu, Berk Akand.

Prima di morire, Sue invia un messaggio a un’amica in cui scrive: “È ossessionato da me, non mi lascia andare via. Vorrei non essere mai venuta”. Poi, poco dopo, la giovane si è schiantata al suolo.

L’autopsia rivela che Sule è stata violentata più volte e che poi è stata gettata dal 20esimo piano del palazzo.

Çağatay Aksu e Berk Akand, dunque, vengono arrestati con l’accusa di omicidio premeditato, stupro e sequestro di persona. Durante il processo, i due hanno provato a giustificare l’orrendo crimine affermando che la giovane “non era illibata” e “assumeva alcolici”.

Dichiarazioni a dir poco deliranti, che, però, non sono bastate a evitare l’ergastolo ai due.

Leggi anche:
India, è morta la ragazza bruciata dai suoi presunti stupratori
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Esteri / Si licenzia e cambia vita: lavora solo 30 minuti e guadagna 40mila dollari al mese. Ecco come
Esteri / La Cina accusa gli Stati Uniti per la guerra in Ucraina: “Hanno innescato la crisi e ora la stanno alimentando”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Esteri / Si licenzia e cambia vita: lavora solo 30 minuti e guadagna 40mila dollari al mese. Ecco come
Esteri / La Cina accusa gli Stati Uniti per la guerra in Ucraina: “Hanno innescato la crisi e ora la stanno alimentando”
Esteri / L’imprenditore Usa che vuole tornare 18enne (con 2 milioni l’anno): in due anni l’età è “scesa” di 5
Esteri / Capsula radioattiva smarrita in Australia, tecnici della Rio Tinto e autorità locali alla ricerca: “È molto pericolosa”
Esteri / “Per colpire il Regno Unito con un missile ci vuole un minuto”: la minaccia di Putin a Boris Johnson
Esteri / Messico, influencer napoletano scambiato per un narcos: "Rinchiuso in una stanza buia"
Esteri / Ucraina, nuove sanzioni contro Russia e Bielorussia: “Useremo le loro proprietà per la nostra difesa”
Esteri / Messico, sub decapitato da uno squalo bianco lungo quasi sei metri
Esteri / Muore in casa ma nessuno si accorge di lei per tre anni