Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Turchia è pronta a sanzioni Usa per l’acquisto dei missili S-400 dalla Russia

Immagine di copertina

TURCHIA MISSILI RUSSIA – La Turchia si sta preparando a “potenziali sanzioni” degli Stati Uniti per l’acquisto del sistema missilistico russo di difesa antiaerea S-400, che ormai “è un accordo fatto”. È quanto riferisce oggi il suo ministro della Difesa, Hulusi Akar. “Stiamo facendo – ha dichiarato – tutto quello che le normali intese bilaterali richiedono. Nei nostri colloqui con gli Stati Uniti, vediamo un generale riavvicinamento su varie questioni, inclusa quella dell’est dell’Eufrate, degli F-35 e dei Patriot”, i missili americani che Ankara potrebbe acquistare dopo quelli russi. Nell’Est dell’Eufrate sono presenti milizie curde.

Turchia pronta a sanzioni Usa | Missili S-400 | Russia

Secondo gli Usa gli S-400 metterebbero a rischio i sistemi Nato e i suoi cacciabombardieri F-35 della Lockheed Martin e ha quindi minacciato di bloccare la vendita alla Turchia.

Il governo di Recep Tayyip Erdogan però ritiene gli allarmi degli americani ingiustificati. “Non c’è alcuna clausola nell’accordo sugli F-35 della Lockheed Martin che dice che si possa essere esclusi dalla partnership per l’acquisto degli S-400. La Turchia ha già pagato 1,2 miliardi di dollari. Abbiamo anche prodotto in tempo le parti che ci sono state richieste. Che altro possiamo fare come partner?”, ha aggiunto il ministro Akar.

Mosca, dal canto suo, ritiene che l’ultimatum degli Usa alla Turchia sulla rinuncia all’acquisto sia “inaccettabile” e considera l’accordo come “un fatto compiuto”, come riferito dal portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

> Tutte le notizie di TPI sulla Turchia

Secondo le indiscrezioni della CNBC, Washington avrebbe concesso ad Ankara due settimane per rinunciare all’accordo.

Nel 2017, la Turchia ha negoziato un accordo del valore di 2,5 miliardi di dollari con la Russia per l’S-400, nonostante gli avvertimenti degli Stati Uniti sul fatto che l’acquisto del sistema avrebbe avuto conseguenze politiche ed economiche.

Nel tentativo di dissuadere la Turchia dall’acquisto del sistema missilistico russo, nel 2013 e 2017 il Dipartimento di Stato americano aveva offerto la vendita del Patriot di Raytheon.  Turchia è un partner finanziario e produttivo per gli F-35.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte