Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Turchia ha chiesto a Google di cancellare la mappa del Grande Kurdistan

Immagine di copertina

La guerra della Turchia contro i curdi passa anche per la geografia

La guerra della Turchia contro i curdi passa anche per la geografia: il governo di Ankara ha infatti chiesto a Google di rimuovere dal servizio Maps il “Kurdistan”, un territorio che comprende anche una parte della Turchia.

Il 28 dicembre 2018 il ministro per il Trasporto e le Infrastrutture, Cahit Turan, ha informato il parlamento che le autorità turche avevano contestato all’azienda la presenza su Google Earth di una cartina del Curdistan composto, oltre che dai territori iracheno, iraniano e siriano, anche da quello turco.

“I funzionari dell’Autorità per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione hanno parlato con i rappresentanti della piattaforma Google perché la mappa venga rimossa d’urgenza nel rispetto degli statuti nazionali e internazionali”, ha detto il ministro.

La questione era stata sollevata da un deputato dell’Iyi Parti, un partito nazionalista e conservatore che nel corso di un’interrogazione parlamentare ha chiesto spiegazioni sulla mappa del Grande Kurdistan che compare su Google maps.

Il governo si è subito attivato per chiedere al servizio la rimozione della cartina, che secondo Ankara viola i confini nazionali e internazionali.

I curdi – L’avversità che il governo turco nutre per i curdi e il Kurdistan in generale è ben nota ed è riemersa prepotentemente con le ultime vicende in Siria.

Il presidente Erdogan ha minacciato di attaccare i territori siriani nelle mani  delle forze curde YPG, approfittando della decisione degli Stati Uniti di ritirare le proprie truppe dal paese.

La maggior preoccupazione di Ankara infatti è che con la fine della guerra in Siria i curdi possano ottenere maggiore autonomia, spingendo la stessa minoranza che si trova in Turchia a chiedere maggiori diritti.

Il Grande Kurdistan – Con il termine Kurdistan o Grande Kurdistan si intende il territorio che comprende parte di Turchia, Iran, Iraq, Siria e Armenia.

In Iraq, i curdi hanno una maggiore autonomia politica e a settembre del 2017 il governo locale guidato da Barzani ha indetto un referendum per l’indipendenza della regione dal governo centrale.

Baghdad però ha ritenuto illegale il voto e ha riconquistato i territori curdi e le loro risorse petrolifere, mettendo fine alle mire indipendentisti di Barzani.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, la Nato annuncia l’invio di forze in Europa orientale. Il Cremlino: “L’Occidente aumenta le tensioni“
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, la Nato annuncia l’invio di forze in Europa orientale. Il Cremlino: “L’Occidente aumenta le tensioni“
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa