Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

I turchi in Europa hanno cominciato a votare per il referendum costituzionale

Immagine di copertina

Il governo di Erdogan ha invocato la consultazione referendaria per aumentare i poteri del presidente. In Turchia si voterà il 16 aprile

I turchi residenti in Germania hanno cominciato a votare il 27 marzo per il referendum costituzionale indetto da Ankara per il 16 aprile 2017. Lo scopo del presidente Recep Tayyip Erdogan è quello di aumentare i propri poteri.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La chiamata alle urne arriva anche per i turchi che abitano in Danimarca, Belgio, Francia, Austria e Svizzera nel momento in cui i rapporti tra il governo di Erdogan e quelli europei sono molto tesi a causa dell’impossibilità riscontrata da alcuni ministri turchi di tenere comizi nei Paesi Bassi e in Germania in vista della consultazione referendaria.

A seguito dei rifiuti europei, Erdogan aveva definito l’atteggiamento dei leader europei come nazista, dando il via a uno scontro diplomatico molto acceso.

I cittadini turchi che hanno già ottenuto la cittadinanza tedesca sono circa 1,41 milioni, mentre il totale di cittadini di origine turca raggiunge circa 3 milioni di persone. Tra di loro 300mila sono di etnia curda. 

(Una mappa mostra i centri di voto per i Turchi in Europa. Credits: Daily Sabah)

L’opposizione curda rappresentata dal partito democratico del popolo ha protestato a Berlino rivendicando il diritto ad essere rappresentati alle urne. Molti rappresentanti del partito sono stati arrestati in Turchia e i parlamentari tedeschi temono che non voteranno per evitare ripercussioni sulle loro famiglie in Turchia.

In Germania il voto andrà avanti fino al 9 aprile 2017. Le urne saranno poi sigillate e inviate ad Ankara, ma saranno aperte solo il 16 aprile per il conteggio generale. Quella tedesca è la comunità turca più numerosa in Europa. In Francia i turchi chiamati al voto sono 318mila mentre nei Paesi Bassi 245mila.

— LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sulla riforma costituzionale in Turchia.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Città Santa delle droghe: la piaga della tossicodipendenza a Gerusalemme Est
Esteri / Fattore Trump: così il possibile ritorno di The Donald alla Casa bianca allunga le guerre in Ucraina e a Gaza
Esteri / Israele: Idf, sale a 240 il bilancio delle vittime militari a Gaza. Mar Rosso, Houthi annunciano attacco a petroliera Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Città Santa delle droghe: la piaga della tossicodipendenza a Gerusalemme Est
Esteri / Fattore Trump: così il possibile ritorno di The Donald alla Casa bianca allunga le guerre in Ucraina e a Gaza
Esteri / Israele: Idf, sale a 240 il bilancio delle vittime militari a Gaza. Mar Rosso, Houthi annunciano attacco a petroliera Usa
Esteri / Reportage TPI – Non solo Gaza: viaggio nell’altra guerra ai palestinesi nei Territori occupati di cui nessuno parla
Esteri / Navalny, le autorità russe restituiscono il corpo alla madre
Esteri / Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina
Esteri / L’Italia ha firmato un patto di sicurezza con l’Ucraina: ecco cosa prevede
Esteri / Meloni a Kiev: “L’Ucraina è casa nostra. La difenderemo” | VIDEO
Esteri / Gaza, Lula non si scusa ma insiste: "Non è una guerra ma un genocidio"
Esteri / G7 a Kiev, Macron “snobba” Meloni: “Impegnato con gli agricoltori”. E convoca un altro vertice a Parigi