Covid ultime 24h
casi +15.370
deceduti +310
tamponi +331.734
terapie intensive -26

Trump, il ritorno è uno show: “Mi siete mancati. Biden? Un disastro. Potrei ricandidarmi”

Tifo da stadio e un tasso di gradimento alle stelle (97%). È andato in scena un vero e proprio “Donald Trump show“ alla Conferenza dei conservatori americani. L'ex presidente non appariva in pubblico dal 20 gennaio scorso

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 28 Feb. 2021 alle 20:23 Aggiornato il 1 Mar. 2021 alle 08:42
201
Immagine di copertina
Orlando, Florida, Usa: l'ex presidente Donald Trump durante la Conservative Political Action Conference (CPAC) 2021 al Hyatt Regency. Credit Image: © Paul Hennessy/SOPA Images via ZUMA Wire

Trump: “Non farò un nuovo partito. Biden è un disastro

Donald Trump è tornato sulla scena politica alla Conservative Political Action Conference (CPAC). L’intervento di ieri dell’ex presidente alla kermesse annuale del più imponente e influente raduno di attivisti conservatori, è stato il primo da quando ha lasciato la Casa Bianca. “Mi siete mancati…”, ha esordito The Donald a Orlando dove è andato in scena un vero e proprio “Donald Trump show“.

The Donald, non appariva in pubblico dal 20 gennaio scorso, quando lasciò 1600 Pennsylvania Avenue poche ore prima del giuramento di Biden. Ora è pronto a riprendersi il partito e a lanciare la New America First Agenda, dettando i temi su cui costruire la piattaforma che consenta ai repubblicani sia di riguadagnare terreno in Congresso con le elezioni di metà mandato del 2022, sia di riconquistare la presidenza nel 2024.

La Conferenza dei conservatori americani (Cpac) si è di fatto trasformata in uno degli spettacoli a cui l’ex presidente americano ha abituato per anni, con una presenza travolgente sul palco e un tifo da stadio al grido di ‘Usa! Usa!‘. E il messaggio preparato con accuratezza nelle lunghe giornate a Mar-a-Lago è chiaro: “Joe Biden è un disastro, il suo primo mese è stato terribile. E potrei ricandidarmi. Il nostro viaggio è lungi dall’essere terminato“. E poi ancora: “Nessun nuovo partito! È solo una fake news, vogliono solo dividerci“. I vertici del partito repubblicano sono avvertiti. Così come sono avvertiti i democratici. “Ho vinto io“, è il mantra di Trump, lungi dall’abbandonare la tesi delle elezioni rubate e dal rinnegare le sue parole prima dell’assalto al Congresso del 6 gennaio.

Queste elezioni sono state truccate, hanno cambiato l’esito del voto. È una vergogna. Gli abusi del 2020 non devono accadere mai più, non dobbiamo più permetterlo”, ha attaccato. Quasi ignorate intanto le precauzioni anti-Covid, con fischi e buu rivolti ad Anthony Fauci e la parola ‘freedom‘ scandita in sala ogni qual volta dagli altoparlanti arrivava l’invito ad indossare le mascherine.

Secondo un ultimo sondaggio, il 59% lo vuole ancora leader e il 54% afferma che lo voterebbe comunque se si candidasse nel 2024. Tutto confermato dal tradizionale ‘straw poll’, il sondaggio informale che chiude la kermesse, col 55% dei presenti che lo vorrebbe candidato, e un tasso di gradimento al 97%.

Combatteremo contro l’assalto del socialismo ai nostri valori”, dice Trump, già da tempo al lavoro per lanciare la sua New America First Agenda, quella che dovrà essere la piattaforma dei repubblicani che vorranno il suo appoggio: “Con Biden siete passati dall’America First all’America Last” .

Leggi anche: Trump prepara il suo ritorno: “Sarò io il candidato repubblicano alle elezioni del 2024”

201
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.