Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Trump ha nominato ‘cane pazzo’ Mattis a capo del Pentagono

Immagine di copertina

Il pluridecorato generale dei marines è un super falco, molto rispettato nelle forze armate per la sua esperienza in battaglia

Il presidente eletto Donald Trump ha scelto il pluridecorato generale dei marine James Mattis come prossimo capo del Pentagono. “Nomineremo ‘Mad Dog’ (cane pazzo, il soprannome del militare), come nostro segretario alla Difesa”, ha annunciato Trump giovedì 1 dicembre a Cincinnati, nell’Ohio.

Mattis, 64 anni, è un generale dei marines in pensione, una figura rispettata nelle forze armate per la sua esperienza di battaglia in Iraq e in Afghanistan. Ha smesso l’uniforme nel 2013, dopo aver guidato il comando centrale, controllando le operazioni militari degli Stati Uniti in Africa e in Medio Oriente.

Il soprannome di “Mad Dog” gli fu dato nel 1991, durante la prima guerra del Golfo. In 44 anni di carriera, Mattis si è guadagnato anche il nomignolo di “monaco guerriero”, ed è considerato un super falco.

Per assumere la responsabilità del Pentagono Mattis, secondo il Washington Post, avrà bisogno che il Congresso vari una nuova legislazione. La legge federale non permette a un militare che è stato in servizio nei precedenti sette anni di essere ministro della Difesa .

Come Trump, Mattis predilige la linea dura con gli avversari, con l’Iran in particolare. Altri dossier centrali che erediterà il futuro segretario alla Difesa sono le crisi in Siria e Iraq, dove gli Stati Uniti guidano la coalizione che combatte con bombardamenti aerei le postazioni del sedicente Stato islamico e sono impegnati ad addestrare le forze di sicurezza locali.

Nel comizio di Cincinnati Trump è anche tornato su alcuni temi centrali della sua campagna elettorale per ribadire gli impegni presi con gli elettori. Ha confermato che farà erigere un muro al confine con il Messico e risolverà il problema dell’immigrazione e sostituirà l’Obamacare. “Siamo un paese diviso, ma per vincere c’è bisogno di tutti gli americani, senza distinzioni di razza, età, reddito, geografia: è tempo di riunirsi”, ha concluso Trump, con un appello all’unità.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Conflitto tra Israele e Hamas: "I bambini di Gaza pagano il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli
Esteri / Per la prima volta una donna alla guida del Washington Post: la nuova direttrice è Sally Bazbee
Ti potrebbe interessare
Esteri / Conflitto tra Israele e Hamas: "I bambini di Gaza pagano il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli
Esteri / Per la prima volta una donna alla guida del Washington Post: la nuova direttrice è Sally Bazbee
Esteri / Cipro, peschereccio italiano speronato da barche turche
Esteri / L’Lsd sarà legale negli Usa: “Può curare malattie mentali gravi”
Esteri / India, dal fiume Gange riaffiorano cadaveri: “Sono vittime del Covid”
Esteri / Spari e studenti in fuga dalle finestre: il video della strage nella scuola di Kazan
Esteri / Sparatoria in una scuola in Russia: almeno otto vittime
Esteri / In Colombia la polizia sta massacrando le popolazioni indigene che protestano contro il governo
Esteri / Gaza brucia ancora, pioggia di bombe nella notte: “Muoiono anche i bambini”