Trump ha dato alla Cia nuovi poteri per condurre attacchi con i droni

Il suo predecessore Obama aveva limitato il ruolo della Cia alla fase di ricognizione dei militanti affidando poi l'esecuzione dei raid al Pentagono

Di TPI
Pubblicato il 14 Mar. 2017 alle 07:50 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:40
0
Immagine di copertina

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dato alla Cia nuovi poteri per condurre attacchi con i droni contro sospetti terroristi. A scriverlo è il Wall Street Journal.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La notizia, se dovesse essere confermata, segnerebbe un cambio di rotta rispetto alla politica del predecessore Barack Obama, che aveva limitato il ruolo della Cia alla fase di ricognizione dei militanti affidando poi l’esecuzione dei raid al Pentagono che, a differenza dell’agenzia di intelligence, deve rendere conto delle sue missioni e delle eventuali morti di civili.

La Casa Bianca, il dipartimento della Difesa e la Cia non hanno, per ora confermato né smentito quanto scritto dal Wall Street Journal.

La Cia non è tenuta a rivelare il numero di terroristi o di civili uccisi durante i suoi attacchi con i droni. Secondo il Wsj, l’agenzia di intelligence avrebbe già effettuato un attacco a fine febbraio 2017 contro un alto dirigente di al-Qaida in Siria, Abu al-Khayr al-Masri. 

La decisione di Trump riguarderebbe in particolare la Siria, permettendo così alla Cia di operare nel paese. Tuttavia, come sottolinea il Wall Street Journal, l’agenzia potrebbe essere autorizzata dal presidente anche a condurre raid contro i militanti di altri paesi come Libia, Yemen e Somalia. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.