Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un tribunale di Hong Kong ha allontanato due deputati che non hanno giurato fedeltà alla Cina

Immagine di copertina

Sixtus Leung e Yau Wai-ching, eletti a settembre, si erano rifiutati di giurare fedeltà alla Cina durante il loro insediamento

Un tribunale di Hong Kong ha diffidato due deputati indipendentisti dall’assunzione del loro incarico nel consiglio legislativo locale, dopo che questi si erano rifiutati di giurare fedeltà alla Cina al momento del loro insediamento il mese scorso.

La decisione arriva dopo che la scorsa settimana l’Assemblea nazionale del popolo, unica camera legislativa in Cina, ha emanato un controverso provvedimento con cui interpretava la costituzione dell’ex colonia britannica, stabilendo che i parlamentari debbano giurare fedeltà a Hong Kong in quanto parte della Repubblica popolare cinese, pena l’esclusione dal parlamento locale.

Ma il giudice Thomas Au ha riferito che avrebbe espresso lo stesso verdetto anche senza l’intervento del parlamento cinese. I due deputati possono ricorrere contro la decisione in appello, ma non hanno ancora annunciato se intendono farlo.

Sixtus Leung e Yau Wai-ching sono stati eletti a settembre 2016. Durante l’insediamento al consiglio legislativo hanno esposto striscioni filo-indipendentisti in cui si leggeva “Hong Kong non è la Cina”.

A seguito del provvedimento del parlamento cinese, circa 2mila persone sono scese in piazza a protestare contro quello che hanno definito una pesante ingerenza di Pechino nella politica di Hong Kong.

L’ex colonia britannica, tornata sotto il controllo della Cina nel 1997, ha un sistema legislativo separato da quello di Pechino ed è dotata di una sua costituzione che le garantisce un certo margine di autonomia. Ma la Cina ha la parola finale su come interpretare le leggi interne di Hong Kong ed esercita pressioni ritenute indebite da alcuni dei cittadini.

A settembre 2016 si sono svolte le prime elezioni dalla “rivoluzione degli ombrelli”, quando migliaia di studenti sono scesi nelle piazze di Hong Kong per manifestare contro la decisione della Cina di non concedere libere elezioni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Esteri / Russia, la minaccia atomica spaventa le élite militari di Mosca: “Pronti a rovesciare Putin”
Esteri / Parlamento Ue: “Europa prepari risposta in caso di attacco nucleare russo”
Esteri / Il giovane re degli scacchi accusato di aver barato più di 100 volte: forse “guidato con un vibratore”
Esteri / Al via il vertice di Praga: sul tavolo il tetto parziale al prezzo del gas
Esteri / Boom di antidepressivi in Russia dopo la “chiamata alle armi” di Putin: + 120%
Esteri / Forze Ucraina verso Kherson, sul tank russo sventola bandiera bianca. Il video
Esteri / Corea del Nord, nuovo lancio di missili balistici verso Mar del Giappone