Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Pasticceria rifiuta di preparare una torta a una coppia gay: per il tribunale hanno ragione

Immagine di copertina

La Corte Suprema britannica ha dato ragione oggi (10 ottobre 2018) ai titolari di una pasticceria dell’Irlanda del Nord chiamati in giudizio da una coppia omosessuale per aver rifiutato di preparare per loro una torta.

L’episodio – che sta facendo molto rumore nel Regno Unito ma non solo – risale al 2014. La coppia aveva denunciato i pasticceri della Asher Bakery per presunta “discriminazione”.

I titolari della pasticceria non avevano accettato l’incarico di creare una torta con su scritto, su richiesta dei committenti, lo slogan: “Sostieni il matrimonio gay“.

Oggi la decisione dei supremi giudici britannici che ha spiazzato la coppia gay, ma non solo. La decisione del Tribunale infatti ha fatto tanto rumore e creato diverse polemiche nel Regno Unito dove la notizia ha trovato ampio risalto.

Leggendo il dispositivo della sentenza, la presidente della Corte – lady Brenda Hale – ha osservato che i pasticceri irlandesi sarebbero stati considerati colpevoli di discriminazione se avessero negato una qualsiasi torta alla coppia gay o a chiunque altro in ragione dell’orientamento sessuale o politico degli acquirenti.

Essendosi i pasticceri solo rifiutati di disegnare uno slogan che andava “contro le loro convinzioni” profonde di cristiani osservanti, non li si può considerare colpevoli di “discriminazione”. Anzi. Si è trattato di una scelta legittima.

Convinzioni che i titolari della pasticceria, al pari di tutti i cittadini (compresa la coppia gay che li ha citati in causa), “hanno diritto ad avere, pena la violazione della libertà di coscienza”.

Insomma, giù le mani dalla pasticceria, niente torta e causa legale persa. Poteva andare peggio. O forse no.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”