Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Thanksgiving: perché l’ultimo giovedì di novembre si festeggia il Giorno del Ringraziamento

Immagine di copertina

Thanksgiving 2018 | Come ogni anno, a fine novembre negli Stati Uniti si festeggia il Thanksgiving, il giorno del ringraziamento. Quest’anno la festa capita il 22 novembre. Come da tradizione il Giorno del ringraziamento cade il quarto giovedì di novembre. Si tratta di una festa di origine cristiana che si osserva negli Stati Uniti e in Canada. Oggi è perlopiù una festa laica.

Thanksgiving | Le origini del giorno del ringraziamento

Le origini risalgono al 1623. Quell’anno, dopo il raccolto, William Bradford, Governatore della Colonia fondata dai Padri Pellegrini, a Plymouth, nel Massachusetts, emise un ordine: “Tutti voi Pellegrini, con le vostre mogli e i vostri piccoli, radunatevi alla Casa delle Assemblee, sulla collina… per ascoltare lì il pastore e rendere Grazie a Dio Onnipotente per tutte le sue benedizioni”.

I Padri Pellegrini erano gli esuli provenienti dall’Inghilterra e perseguitati per il loro culto calvinista, che decisero di trasferirsi negli Stati Uniti.

Nel 1620, a bordo della nave Mayflower, i 102 padri Pellegrini giunsero sulle coste del Nord America. Quello che li attendeva una volta giunti nel “Nuovo Mondo” era un territorio desolato e selvaggio, abitato dai nativi americani. I coloni iniziarono a seminare e coltivare la terra, che però non produsse frutto. Metà della popolazione non sopravvisse al rigido inverno.

L’anno successivo però i nativi americani aiutarono i padri pellegrini, indicando loro i prodotti da coltivare e gli animali da allevare, come granoturco e tacchini. Fu per celebrare il primo anno di raccolto abbondante che i coloni decisero di indire un giorno di ringraziamento a Dio, a cui invitarono anche i nativi americani della zona che li avevano aiutati a integrarsi.

I piatti serviti quel giorno, tacchino e zucca, divennero i cibi simbolici del giorno del ringraziamento, cucinati ancora oggi.

Alcuni anni dopo, nel 1676, il governatore della contea di Charlestown, in Massachusetts, indì un nuovo giorno di ringraziamento, per celebrare la vittoria contro gli “indigeni pagani”, i nativi americani che cinquant’anni prima avevano aiutato i padri pellegrini di Plymouth a non morire di fame.

Negli anni successivi la festa si estese in tutto il paese.

Nel 1777 fu indetto un nuovo giorno del ringraziamento per festeggiare la vittoria di Saratoga, nella guerra di Indipendenza. Il giorno del ringraziamento divenne festa nazionale dal 1789, dopo la proclamazione da parte di George Washington, primo presidente degli Stati Uniti d’America.

Thanksgiving | C0me si festeggia oggi

Oggi il giorno del ringraziamento è una festa diffusa in tutti gli Stati Uniti. Come da tradizione, alcuni giorni prima del quarto giovedì di novembre si svolge la cerimonia della grazia presidenziale a due tacchini, nota come National Thanksgiving Turkey Presentation, che risale alla presidenza Kennedy, nel 1963.

Dal 2003 i cittadini americani sono invitati a scegliere il nome dei tacchini votando sul sito della Casa Bianca: nel 2017 il nome scelto fu Drumstick e Wishbone.

La maggior parte delle famiglie americane festeggia il Thanksgiving con un abbonante pranzo a base di tacchino. Si stima che negli Stati Uniti vengano consumati circa 40 milioni di tacchini a ogni giorno del ringraziamento.

Strettamente collegato al Thanksgiving day è nella tradizione americana il Black Friday, ossia il venerdì successivo, che dà l’avvio alla stagione dello shopping natalizio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Esteri / Cosa sappiamo finora sull'incidente del presidente iraniano Raisi
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore capo chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e i leader di Hamas. Israele: "Uno scandalo". Biden: "Oltraggioso". Hamas: "Equipara vittime e carnefice"
Esteri / Iran: Mokhber presidente ad interim. Ali Bagheri nominato ministro degli Esteri. Domani i funerali di Stato. Aperta un'indagine sull'incidente. Il Consiglio di Sicurezza Onu osserva un minuto di silenzio
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev: “I russi hanno perso 10.000 uomini in una settimana”
Esteri / Ultimatum di Gantz a Netanyahu. L’Onu: 800 mila persone in fuga da Rafah. Al Jazeera: 64 morti a Gaza nelle ultime 24 ore
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: eliminati nel Donbass 125 militari ucraini in 24 ore
Esteri / Televisione israeliana: sospese le trattative su ostaggi. Attaccata petroliera al largo dello Yemen. Idf: "Ucciso Khamayseh"