Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il telefono di Jeff Bezos “fu hackerato dal principe saudita Bin Salman” 5 mesi prima dell’omicidio del giornalista Khashoggi

Immagine di copertina
Il ceo di Amazon Jeff Bezos. Credit: EPA/MICHAEL REYNOLDS

Un'inchiesta del Guardian rivela che il telefono del fondatore di Amazon e proprietario del Washington Post, è stato "hackerato dal principe ereditario saudita"

Khashoggi, telefono di Jeff Bezos “fu hackerato dal principe saudita Bin Salman”

Il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon e proprietario del Washington Post, è stato hackerato dal principe ereditario saudita, Mohammed Bin Salman, cinque mesi prima dell’omicidio nel 2018 del giornalista oppositore saudita Jamal Khashoggi, collaboratore del quotidiano statunitense. A rivelarlo è un’inchiesta del Guardian.

Fonti coperte da anonimato hanno spiegato al quotidiano britannico che ad infettare il telefono sarebbe stato un virus arrivato sull’account Whatsapp di Bezos il primo maggio del 2018, apparentemente inviato dall’account personale di Bin Salman, con cui il magnate stava intrattenendo uno scambio online.

Una volta scaricato nel cellulare di Bezos, il video avrebbe estratto una gran quantità di dati nel giro di poche ore. Il Guardian precisa di non sapere quali dati siano stati sottratti e come siano poi stati utilizzati.

A febbraio 2019, Bezos aveva accusato Riad di essere dietro alla pubblicazione di il materiale fotografico e messaggi privati che riconducevano a una sua relazione extraconiugale sul tabloid americano National Enquirer. Ma il regime saudita aveva negato di aver preso di mira il telefono dell’uomo d’affari. Proprio a partire da quella vicenda, il cellulare di Bezos è stato sottoposto a analisi da parte di esperti digitali.

Il caso Jamal Khashoggi

Jamal Khashoggi, giornalista del Washington Post e dissidente saudita, fu assassinato nel consolato saudita a Istanbul il 2 ottobre 2018.

Lo scorso dicembre, un tribunale saudita ha condannato a morte cinque persone che sarebbero coinvolte nell’omicidio. Altre tre sono state condannate a 24 anni complessivi di carcere, mentre altri imputati sono stati assolti. Il processo, che si è tenuto a porte chiuse, è stato criticato dai difensori dei diritti umani.

I sospetti più vicini a Mohammed bin Salman sono stati assolti, incluso Saud al Qahtani, stretto consigliere ed ex responsabile per la comunicazione sui social media del principe ereditario.

Leggi anche:

Caso Khashoggi, la ricostruzione: dalla sparizione alla conferma dell’omicidio dell’Arabia Saudita

Un anno dall’omicidio Khashoggi: cosa sappiamo e cosa non sappiamo finora sulla feroce morte del giornalista saudita

Il fondatore di Amazon Jeff Bezos dona 600mila euro per l’Australia. Critiche sui social: “Li guadagna in 3 minuti”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo