Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Diffuso l’audio di una telefonata in cui Zuckerberg attacca la candidata democratica Warren

Immagine di copertina
Mark Zuckerberg ed Elizabeth Warren

Fa discutere negli Stati Uniti la proposta della candidata democratica alla Casa Bianca di separare le grandi società tecnologiche per ridurne la potenza e l'influenza

Facebook, l’audio della telefonata in cui Zuckerberg attacca Warren

Fa discutere negli Stati Uniti la proposta della candidata democratica alla Casa Bianca Elizabeth Warren di separare le grandi società tecnologiche per ridurne la potenza e l’influenza. Soprattutto, per ridurre le possibilità di influenzare il risultato delle elezioni. Immediata la reazione del “papà” di Facebook, Mark Zuckerberg: sta circolando in queste ore l’audio di una telefonata segreta in cui l’ad attacca la senatrice.

Zuckerberg, in questa registrazione che risale allo scorso luglio ottenuta dalla rete di notizie online The Verge, si rivolge ai dipendenti e attacca Elizabeth Warren. Oltre a non risparmiare critiche neanche alle società rivali.

Zuckerberg critica la senatrice del Massachusetts per la sua proposta di “spezzettare” le grandi società tecnologiche. “Se sarà eletta, scommetto che avremo una battaglia legale e che vinceremo. Non voglio avere nessuna azione legale con il nostro governo, ma se qualcuno minaccia allora si combatte” dice Zuckerberg.

Per il fondatore e amministratore delegato del più grande social network del mondo, lo smembramento delle Big Tech, che “sia Facebook o Google o Amazon, non risolverà i problemi. E non renderà le interferenze sulle elezioni meno probabili. Anzi le renderà più probabili perché le aziende non potranno coordinarsi e lavorare insieme”.

Una battuta Zuckerberg la riserva anche a Twitter che, in termini di sicurezza, non può fare quanto Facebook. “Twitter non può fare un buon lavoro come noi. Hanno lo stesso tipo di problemi ma non possono investire. I nostri investimenti in sicurezza sono superiore agli interi ricavi” di Twitter, aggiunge.

La replica della senatrice Elizabeth Warren

La risposta di Elizabeth Warren, in replica all’attacco di Mark Zuckerberg, arriva su Twitter. “Dobbiamo cambiare il sistema corrotto che consente ad aziende giganti come Facebook di portare avanti pratiche anti concorrenziali, calpestare i diritti sulla privacy dei consumatori e le loro responsabilità di tutelare la nostra democrazia”, ha twittato Warren.

Mark Zuckerberg è accusato di aver ideato “uno schema fraudolento” per elimiare la concorrenza

Ti potrebbe interessare
Esteri / Maxi attacco a Gaza, Israele colpisce i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 136
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Ti potrebbe interessare
Esteri / Maxi attacco a Gaza, Israele colpisce i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 136
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”
Esteri / L’ex miss Myanmar si unisce alla lotta contro la dittatura militare: “Combatto per il mio Paese”