Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Afghanistan, i Taliban sono entrati nella capitale della produzione d’oppio

Immagine di copertina

Tarin Kot è il capoluogo della regione di Uruzgan, dove si coltivano i papaveri per la produzione di droga

I Taliban sono entrati a Tarin Kot, la capitale della provincia afghana centromeridionale di Uruzgan una delle regioni dove si produce il papavero da oppio, arrivando a minacciare gli edifici governativi e costringendo i leader locali a rifugiarsi all’aeroporto, che ospita una base militare.

I miliziani si sono fatti largo a colpi di arma da fuoco verso il compound del governo e il quartier generale della polizia di Tarin Kot, una città di 70mila abitanti.

Si rimpallano le responsabilità dell’avanzata lampo dei combattenti estremisti: secondo il capo della polizia Wais Samim, molti agenti si sono arresi ai Taliban e hanno lasciato i checkpoint senza combattere, mentre un altro poliziotto accusa i funzionari di governo locali di aver abbandonato la città.

In un comunicato diffuso online, i Taliban affermano di essere entrati in città e di aver preso il controllo dei checkpoint e della prigione, e accusano il governo locale di aver portato i detenuti con sé all’aeroporto come ostaggi.

Il comunicato aggiunge che sono in corso scontri strada per strada all’interno del centro cittadino.

L’offensiva e il conseguente apparente collasso del governo locale ricorda quanto successo nel 2015 a Kunduz, altro capoluogo provinciale finito brevemente nelle mani dei Taliban.

Il portavoce del presidente afghano Ashraf Ghani ha dichiarato che il governo centrale ha mandato rinforzi verso Tarin Kot. “Uruzgan non diventerà un porto franco per i terroristi”, ha detto Shah Hussain Murtazawi. Le forze armate americane stanno monitorando la situazione da Kabul, ma non sono stati lanciati raid aerei.

La provincia di Uruzgan è stata a lungo sotto il controllo dei Taliban e di altri signori della guerra attratti dalla redditizia produzione di droga che, nel corso dell’ultimo anno, è cresciuta del 22 per cento.

(Qui sotto la mappa dell’Afghanistan, con la provincia di Uruzgan in evidenza)

Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo