Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Dopo quattro mesi di stallo la Svezia ha un nuovo primo ministro

Immagine di copertina
Il primo ministro svedese Stefan Löfven

Il premier ha dato vita a una nuova coalizione di minoranza che vede riuniti i Socialdemocratici e i Verdi, insieme al Partito di Centro e ai Liberali

Il 18 gennaio 2019, dopo quattro mesi di stallo, è stato eletto il nuovo primo ministro della Svezia.

Si tratta del socialdemocratico Stefan Lofven, che ha assunto per la seconda volta il ruolo di primo ministro dopo aver ricevuto la fiducia da parte del Parlamento svedese.

Lofven è riuscito a sbloccare la situazione di stallo che da quattro mesi paralizzava il mondo politico della Svezia dando vita a una nuova coalizione di minoranza che vede riuniti i Socialdemocratici e i Verdi, insieme al Partito di Centro e ai Liberali, che nella scorsa legislatura erano all’opposizione.

Così facendo, il premier è riuscito ad evitare che gli ultra-nazionalisti Democratici svedesi andassero al governo. Tuttavia, secondo gli analisti, la presenza nella nuova coalizione del centro fa presagire che il prossimo governo si sposterà più a destra rispetto alla legislatura precedente, facendo alcune concessioni su temi come quello dell’immigrazione.

Le elezioni – Il 9 settembre 2018 si sono tenute le elezioni legislative in Svezia. Il Partito socialdemocratico si era confermato prima forza politica del Paese, raccogliendo il 28,4 per cento dei voti, ma aveva subito un netto calo dei consensi rispetto alle elezioni precedenti.

I risultati delle urne avevano messo in difficoltà la coalizione di centrosinistra, formata da Socialdemocratici, Verdi e Sinistra, che aveva ottenuto complessivamente il 40,6 per cento dei seggi: risultato insufficiente per avere fin da subito la maggioranza di governo.

Le elezioni legislative del 2018 avevano segnato anche l’affermazione del partito di estrema destra Democratici svedesi, che aveva ottenuto il 17,6 per cento dei voti, registrando un forte balzo in avanti rispetto al 2014 anche se più contenuto rispetto alle attese.

Secondo alcuni sondaggi diffusi nei mesi precedenti alle elezioni, i Democratici svedesi erano dati al 25 per cento, per cui in molti credevano che sarebbe diventato il secondo partito dopo i Socialdemocratici e che avrebbe avuto un peso non indifferente nella formazione del governo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come