Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Aung San Suu Kyi in visita a Rakhine per la prima volta dopo lo scoppio della crisi rohingya

Immagine di copertina
La leader birmana Aung San Suu Kyi a Rakhine. Credit: Afp

La leader birmana Aung San Suu Kyi ha incontrato i leader religiosi musulmani e ha chiesto alla popolazione di “non litigare”

La leader birmana Aung San Suu Kyi ha chiesto alla popolazione di Rakhine di “non litigare” in occasione della sua prima visita nello stato birmano da quando al suo interno è scoppiata la violenza che ha portato oltre 600mila musulmani rohingya a lasciare il paese per emigrare in Bangladesh. Lo ha riportato l’agenzia di stampa Reuters.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Suu Kyi, vincitrice del Nobel per la Pace nel 1991, è stata criticata a livello internazionale per il profilo basso che ha tenuto nella gestione della crisi, che i funzionari Onu hanno definito una “pulizia etnica” compiuta dall’esercito.

Il governo birmano respinge le accuse e sostiene che le forze di sicurezza hanno lanciato un’offensiva contro ribelli miliziani rohingya che hanno attaccato 30 postazioni delle forze dell’ordine nel nord di Rakhine lo scorso 25 agosto.

Giovedì 2 novembre Suu Kyi ha visitato prima Sittwe, capitale dello stato di Rakhine, per poi dirigersi a Maungdaw, una delle zone maggiormente colpite dalla violenza etnica e religiosa.

La leader ha incontrato inoltre un gruppo di religiosi musulmani, secondo quanto riporta il gruppo di monitoraggio Arakan Projec, che cita fonti rohingya.

“Ha detto solo tre cose alle persone: che dovrebbero vivere in pace, che il governo è qui per aiutarli, e che non dovrebbero litigare tra loro”, ha detto Chris Lewa, dell’Arakan Projec, citando le informazioni ricevute da un leader che era presente all’incontro.

Decine di persone sono state uccise negli scontri tra l’esercito e i ribelli rohingya. Diverse organizzazioni non governative, tra cui Amnesty International, hanno denunciato che diversi villaggi di Rakhine sono stati bruciati per allontanare gli abitanti.

– LEGGI ANCHE: Da premio Nobel a militarista: Aung San Suu Kyi con i rohingya è come Al Sisi con Regeni

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l'obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto