Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:22
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

25 musulmani rischiano la condanna a morte per aver seguito una versione scorretta dell’Islam

Immagine di copertina

Tra i sudanesi accusati, tutti della minoranza etnica hausa, ci sarebbero anche tre adolescenti

Venticinque musulmani sudanesi, tra cui tre adolescenti, rischiano di essere condannati a morte per apostasia, per aver seguito una versione considerata sbagliata dell’Islam dal governo del Sudan.

Gli uomini, che hanno dai 15 ai 51 anni e appartengono alla minoranza etnica hausa, sono stati rilasciati su cauzione lunedì 14 dicembre e ora sono in attesa del processo. Prima di poter essere liberati, avevano passato in prigione più di cinque settimane.

Sarebbero stati accusati in base all’articolo 126 del codice penale del paese, che si rifà alla legge della Sharia. Secondo l’avvocato della difesa, questo andrebbe contro la costituzione del paese, che garantisce il diritto di pensiero e di coscienza. 

Gli uomini erano stati tratti in arresto mentre stavano pregando nella capitale Khartum, a novembre. Come racconta uno di loro al quotidiano britannico The Guardian, la polizia li avrebbe accerchiati mentre pregavano, puntando loro la pistola alla testa.

Se gli accusati durante il processo ammettessero le proprie colpe, la pena di morte potrebbe essere commutate in cinque anni di prigione, ma sembra che gli uomini non siano disposti a ritrattare la propria religione.

“Non cambierò mai idea riguardo a quello che mi è stato insegnato essere il giusto e vero Islam. Se vogliono ucciderci, lo facciano”, ha affermato Rifaat Abdel-Mo’min Awad, uno degli adolescenti che deve affrontare la sentenza di morte perché stava ascoltando le parole dell’imam insieme a suo fratello ventunenne Fareed quando è arrivata la polizia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati