Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il Sud Sudan verso un’instabile tregua

Immagine di copertina

Il capo dei ribelli Rieck Machar è atteso nella capitale Juba per assumere la vice presidenza del governo di unità nazionale

Il capo dei ribelli sud sudanesi Riek Machar rientrerà lunedì 18 aprile a Juba, la capitale del Sud Sudan, per assumere l’incarico di vice presidente del governo di unità nazionale, in un importante passo in avanti nella pacificazione della regione.

Da quando nel dicembre del 2013 il presidente del paese Salva Kiir ha accusato il suo ex vice Riek Machar, attuale leader dei ribelli, di aver tentato un colpo di stato, è esploso un conflitto che si è ben presto tramutato da politico a etnico.

In tre anni di combattimenti a sono morte migliaia di persone e oltre due milioni di sud sudanesi vivono sfollati in campi profughi.

Il vice di Machar, Alfred Ladu Gore, ha promesso che “gli accordi di pace saranno rispettati” e ha fatto un appello al fine di trovare una soluzione condivisa alla drammatica soluzione in cui è sprofondato il paese.

Nel corso dell’anno, la tregua raggiunta ai colloqui di pace nell’agosto del 2015 è stata più volte violata e molti osservatori hanno sfiducia sulle reali possibilità del nuovo governo di unità nazionale di risolvere il conflitto.

Lo stesso Machar, come condizione per il suo ritorno a Juba, ha voluto l’arrivo nella capitale di 1.300 soldati con il compito di proteggerlo.

Ma il popolo del Sud Sudan, una delle nazioni più povere al mondo, dopo tre anni di sofferenze, spera che il governo di transizione riesca a pacificare la nazione, nata nel 2011 dopo la secessione dal Sudan.

Il nuovo governo sarà formato da ministri scelti insieme da Kiir e Machar, di fatto replicando la situazione politica del 2013 prima che scoppiasse la guerra civile.

Le Nazioni Unite e l’Unione Africana hanno accusato entrambe le parti del conflitto di crimini di guerra e atrocità ai danni della popolazione sud sudanese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Navalny, le autorità russe restituiscono il corpo alla madre
Esteri / Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina
Esteri / L’Italia ha firmato un patto di sicurezza con l’Ucraina: ecco cosa prevede
Ti potrebbe interessare
Esteri / Navalny, le autorità russe restituiscono il corpo alla madre
Esteri / Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina
Esteri / L’Italia ha firmato un patto di sicurezza con l’Ucraina: ecco cosa prevede
Esteri / Meloni a Kiev: “L’Ucraina è casa nostra. La difenderemo” | VIDEO
Esteri / Gaza, Lula non si scusa ma insiste: "Non è una guerra ma un genocidio"
Esteri / G7 a Kiev, Macron “snobba” Meloni: “Impegnato con gli agricoltori”. E convoca un altro vertice a Parigi
Esteri / Germania: famiglie palestinesi denunciano il cancelliere Olaf Scholz per “complicità in genocidio” a Gaza
Esteri / Ucraini in fuga dalle armi: montano le proteste contro la campagna di reclutamento
Esteri / Giorgia Meloni arriva a Kiev: “L’Italia, l’Europa e il G7 al fianco della resistenza ucraina”
Esteri / Ma l’America ha lasciato sola l’Europa in Ucraina