Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le studentesse che non possono uscire la sera in India

Immagine di copertina

I dormitori delle università di Nuova Delhi impongono alle studentesse di tornare in camera entro le 18.30, negando loro i diritti di cui beneficiano i loro compagni

Oltre 60 studenti universitari hanno manifestato a Nuova Delhi, capitale dell’India, nella notte tra martedì 13 e mercoledì 14 ottobre per reclamare il diritto delle donne a uscire la sera dai propri alloggi e dalle proprie residenze.

Attualmente le norme interne dei dormitori studenteschi pubblici e privati di Nuova Delhi impongono alle ragazze un coprifuoco che parte alle 18:30 o alle 19:30 di sera che, secondo le università, dovrebbe garantire la sicurezza alle studentesse. Coloro che non rispettano questa regola vengono punite e rischiano l’espulsione.

Le restrizioni imposte dalle università alle ragazze sono una conseguenza dello stupro di gruppo avvenuto su un autobus di linea di Nuova Delhi il 16 dicembre del 2012a causa del quale una studentessa di 23 anni aveva perso la vita. Le autorità avevano consigliato ai campus di istituire un coprifuoco per le donne e costruire muri di cinta protetti con filo spinato e monitorati da telecamere.

Le donne che frequentano i corsi sostengono si tratti di una vera e propria imposizione di stampo patriarcale, che consente agli uomini di poter uscire liberamente la sera, ma che reclude le donne.

“Non abbiamo bisogno di falsa protezione, non potete mettere in gabbia metà della nazione”, è lo slogan che nella notte riecheggiava nei viali davanti ai campus universitari.

Le ragazze e gli uomini che si sono uniti alla manifestazione sottolineano come questa sia una limitazione non solo della libertà personale, ma anche di quella delle donne quali studentesse. L’università di Nuova Delhi garantisce agli iscritti l’ingresso a laboratori e biblioteche fino alle due di notte. Ciononostante, le studentesse non possono usufruire di questo servizio.

La reclusione forzata all’interno dei dormitori può anche diventare un pericolo per la vita delle ragazze stesse. La studentessa d’arte Shambhawi Vikram, di 23 anni, ha raccontato alla Bbc che due anni fa alcune sue compagne di corso hanno rischiato di morire durante un terremoto perché i piani dell’edificio in cui si trovavano le loro stanze erano chiusi a chiave.

“È stato spaventoso, 20 ragazze si sono affacciate al balcone perché non potevano andare da nessun’altra parte. Noi le vedevamo dal cortile, ma non potevamo fare nulla. Ci sentivamo inutili”, ha detto. “Anche Cenerentola poteva rimanere fuori fino a mezzanotte. Perché noi no?”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”