Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Trentasei studentesse indiane sono state picchiate per aver resistito alle avances sessuali di un gruppo di ragazzi

Immagine di copertina

Le ragazze sono state attaccate da un gruppo di adolescenti e dai loro genitori per aver denunciato casi di molestie sessuali

Trentasei studentesse indiane sono state ricoverate in ospedale dopo essere state attaccate da un gruppo di adolescenti e dai loro genitori per aver denunciato casi di molestie sessuali.

Sei ragazzi e una donna sono stati arrestati nello stato nord-orientale del Bihar dopo l’aggressione, avvenuta in un collegio femminile.

Polizia e testimoni hanno detto che le ragazze della scuola di Triveniganj, a circa 260 chilometri a est della capitale dello stato di Bihar, avevano tenuto un concerto in un’area sportiva sabato sera quando un gruppo di adolescenti ha iniziato a fare commenti osceni su di loro.

Le ragazze hanno litigato con i ragazzi, che alla fine hanno desistito e si sono allontanati.

La polizia ha affermato che un gruppo di adolescenti e alcuni dei loro genitori sono tornati circa 20 minuti dopo portando con sé bastoni di bambù e ferro.

“Ci hanno trascinato prendendoci per i capelli, ci hanno colpito con bastoncini di bambù e preso a calci e pugni”, ha raccontato Gudia, una delle 36 ragazze che sono state portate in ospedale dopo l’aggressione per ricevere le cure necessarie.

“Eravamo totalmente inermi e non avevamo nulla per proteggerci. Ho visto molte delle mie amiche che giacevano a terra e piangevano per il dolore”.

Le ragazze ricoverate in ospedale avevano un’età compresa tra i 10 e i 14 anni.

Gudia ha detto che i ragazzi erano arrabbiati “perché avevamo protestato contro le loro avances sessuali”.

“Ci avevano sempre stuzzicato e hanno scritto più volte parole oscene sui muri della nostra scuola”, ha detto, aggiungendo che lei e altre ragazze hanno cercato di denunciare le molestie ai funzionari del governo locale, ma non sono state prese sul serio.

La polizia ha arrestato nove sospetti. “Dei primi sette arrestati, sei sono maschi e una è una donna”, ha detto Mritunjay Chaudhary, un sovrintendente distrettuale.

La maggior parte delle bambine rimaste ferite sono state dimesse dall’ospedale e hanno fatto ritorno ai loro alloggi della scuola. Un funzionario locale ha detto che molte delle ragazze sono ancora sotto shock e paura di essere aggredite nuovamente.

“Hanno paura, ma stiamo organizzando degli spettacoli di film divertenti nel campus per calmarle e dissipare qualsiasi paura del genere dalle loro menti”, ha detto il magistrato distrettuale Baidyanath Yadav il Lunedi.

“Le stiamo anche seguendo affinché possano migliorare presto”.

Yadav ha detto che la polizia è stata dispiegata a protezione delle studentesse e che una recinzione più alta sarebbe stata sistemata attorno alla scuola per impedire agli estranei di entrare nel campus.

La violenza sessuale è diventata una questione politica importante nel Bihar, uno degli stati più poveri dell’India, dopo che un report firmato da 110 case di cura per le donne ha rilevato diversi casi di abuso sessuale.

Le donne hanno guidato diverse proteste contro i numerosi episodi di violenze e sono riuscite ad ottenere la sospensione di oltre 20 funzionari governativi e l’arresto di altri 14.

Secondo gli attivisti per i diritti delle donne, la situazione sta lentamente cambiando, in particolare nelle grandi città, ma che le condizioni sono generalmente peggiori per le donne nelle aree remote e rurali.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Esteri / Approvato nuovo pacchetto di sanzioni Ue alla Russia, incluso price cap al petrolio
Esteri / Gas dalla Russia all’Italia: ripresi i flussi attraverso l’Austria
Esteri / La gaffe del generale russo: per errore svela sulla mappa l’avanzata della controffensiva ucraina
Esteri / Von Der Leyen: “Pronti a discutere un tetto al prezzo del gas utilizzato per generare elettricità”
Esteri / Guerra in Ucraina, camera delle torture a Pisky-Radkivski: rinvenuti denti d’oro. Le foto shock
Esteri / Corea del Sud, esercitazioni con gli Usa: lanciati 4 missili sul Mar del Giappone. Uno si schianta al suolo