Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Studente arrestato in Egitto, parlano i genitori: “Lo hanno torturato per sapere dei Regeni”

Immagine di copertina

I genitori di Patrick George Zaki, lo studente dell'università di Bologna arrestato in Egitto, hanno parlato alla stampa italiana

Studente arrestato in Egitto, i genitori: “Torturato per sapere dei Regeni”

Bologna deve sembrare davvero lontana dal tinello della casa di Patrick, ad al-Manṣūra. È qui che i genitori dello studente arrestato in Egitto – Patrick George Zaki – hanno incontrato alcuni giornalisti italiani. Hanno ammesso solo loro nella casa in Omar Ibn el Khattab Street, una ventina di minuti dal lungodelta.

Eppure Bologna resta nei loro cuori e nei pensieri di Patrick che, fanno sapere i genitori, in cella non fa altro che studiare: “Ha chiesto dei libri”.

Ai giornalisti del Corriere e di Repubblica, il padre descrive lo stato psicologico dello studente di 28 anni che dopo essere arrivato all’aeroporto del Cairo è stato fermato e arrestato dalla polizia egiziana: “Più che per sé, mio figlio è preoccupato per noi. Ha paura di quel che stiamo passando. Di quanto sta soffrendo sua madre…”.

Nel suo racconto la conferma di quanto avevamo annunciato proprio da queste colonne: “L’hanno fermato per quello, per i post su Facebook”.

È così: Patrick da quando era in Italia si era sentito più libero di esprimere il suo dissenso verso il regime egiziano. Ma i suoi post sui social gli sono costati caro. Per lui, a settembre, era scattato un mandato di arresto.

Le accuse nei suoi confronti sono molteplici: diffusione di false notizie per disturbare la quiete pubblica; incitamento a proteste non autorizzate, con l’obiettivo di screditare il prestigio dello Stato e disturbare la pace e la sicurezza pubblica; propaganda per rovesciare il governo e cambiare i principi basilari della costituzione; utilizzo di account social per destabilizzare l’ordine pubblico e soprattutto promozione di comportamenti violenti e crimini di matrice terroristica.

Ma spunta anche un altro elemento. Al regime, il caso Regeni, interessa eccome. E sarebbe questo un altro elemento che ha messo in pericolo la sua permanenza sul suolo egiziano. “Gli hanno sequestrato tutto: documenti, occhiali, vestiti, passaporto, telefonino, laptop, tesserino universitario. L’hanno interrogato illegalmente per trenta ore. E poi, sì, gli hanno chiesto anche dei suoi legami con la famiglia di Giulio Regeni”.

“Dal 2016, di quel ragazzo italiano si parla su tutti i social media e anche Patrick conosceva il caso, se n’era interessato”, spiega il padre.

Per ora nessuno del governo italiano si è fatto sentire e le speranze della famiglia sono riposte nella Chiesa: “Speriamo che almeno la Chiesa, in Vaticano si preghi per noi”.

La dichiarazione della famiglia di Patrick George

“Non riusciamo ancora a comprendere le accuse mosse a Patrick, nostro figlio non è mai stato fonte di minaccia o di pericolo per nessuno, anzi, è stato una costante fonte di sostegno e di aiuto per molte persone. Patrick è tornato in Egitto per una breve vacanza dai suoi studi in Italia, per venire a trovare noi e i suoi amici e per passare un po’ di tempo insieme prima di tornare alla sua intensa vita accademica”, scrivono in un comunicato i genitori di Patrick.

“Non avremmo mai immaginato che potesse essere trattato in questo modo, né che avremmo vissuto anche solo per un giorno con una paura e un’ansia senza precedenti per la sicurezza e il benessere di nostro figlio”.

“Non sappiamo nemmeno quando o come finirà questo incubo. Noi, la famiglia di Patrick – chiediamo a tutti di stargli vicino e di sostenerlo in questa situazione di difficoltà e dichiariamo il nostro pieno sostegno alle richieste dei suoi amici e colleghi dentro e fuori dall’Egitto, che insistono sull’immediato e incondizionato rilascio di Patrick e sulla caduta di tutte le accuse, oltre alla garanzia che non ci saranno ulteriori persecuzioni nei confronti di Patrick o dei suoi familiari e che gli sarà permesso di continuare i suoi studi”, conclude il comunicato.

Leggi anche:

Studente arrestato in Egitto, testimonianza esclusiva dal Cairo: “Vi racconto il vero motivo per cui hanno incarcerato il mio amico Patrick”

“Torturato per ore, Al Sisi lo faccia tornare in Italia”: la collega dello studente arrestato in Egitto a TPI

ESCLUSIVA TPI: ecco le accuse contro Patrick George Zaki, lo studente arrestato oggi in Egitto

Libertà per Patrick Zaki, il ragazzo fermato al Cairo (illustrazione di Gianluca Costantini)

Regeni, 4 anni dopo: tutta la fuffa della politica che ci ha preso in giro (di L. Tomasetta)

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte