Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un uomo della Virginia è stato accusato di supporto all’Isis

Immagine di copertina

Il ventiseienne si era recato in Siria all'inizio dell'anno per unirsi al gruppo estremista ma era stato catturato dale forze curde nel nord dell'Iraq

Un cittadino della Virginia, negli Stati Uniti, è stato accusato di aver fornito supporto materiale all’Isis.

Mohamad Jamal Khweis, 26 anni, si era recato in Siria per unirsi al gruppo estremista e aveva cominciato l’addestramento da quasi un mese quando era stato catturato dalle forze curde nel nord dell’Iraq a marzo.

Khweis sarà processato presso il tribunale federale di Alexandra, ha reso noto il dipartimento di Giustizia americano.

L’uomo ha riferito agli agenti dell’Fbi che ha cominciato a pianificare di unirsi al sedicente Stato islamico a metà del 2015, dopo aver visto i video in cui i miliziani estremisti giustiziavano dei prigionieri, incluse le raccapriccianti immagini del pilota giordano arso vivo.

Khweis ha ammesso durante gli interrogatori di aver viaggiato attraverso l’Europa e la Turchia per raggiungere la Siria e unirsi al gruppo, e di essere arrivato a Raqqa, la capitale de facto dell’Isis nel paese, dove ha dichiarato di essere disposto a diventare un attentatore suicida.

L’aspirante jihadista è stato sottoposto all’indottrinamento religioso da parte del gruppo a Mosul, in Iraq, ma – stando a quanto ha dichiarato – non aveva ancora mai toccato un’arma da fuoco.

Quando le forze curde lo hanno preso, uno degli agenti aveva riferito che l’uomo sembrava intenzionato non solo a sfuggire alla cattura ma anche a scappare dai miliziani dell’Isis. 

Khweis deteneva ancora la sua patente di guida rilasciata dallo stato della Virginia ma a quel punto aveva bruciato e distrutto sia il suo computer che i suoi due telefoni cellulari.

Il ventiseienne è uno dei quasi 90 cittadini americani accusati di crimini connessi alle attività dell’Isis.

Il direttore dell’Fbi ha però dichiarato che il numero di individui che aspirano a unirsi al gruppo estremista è sceso a uno al mese, dagli otto al mese precedenti, sin da agosto 2016.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vertice Nato a Madrid, Biden: “Più truppe in Italia e Germania”
Esteri / La super-testimone mette nei guai Trump: “Voleva andare a Capitol Hill e unirsi alla folla armata”
Esteri / Usa, Instagram e Facebook rimuovono post che promuovono le pillole abortive
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vertice Nato a Madrid, Biden: “Più truppe in Italia e Germania”
Esteri / La super-testimone mette nei guai Trump: “Voleva andare a Capitol Hill e unirsi alla folla armata”
Esteri / Usa, Instagram e Facebook rimuovono post che promuovono le pillole abortive
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Russia stato terrorista, via da Consiglio sicurezza Onu"
Esteri / Usa, un giudice della Louisiana ferma il divieto di aborto: “Le interruzioni riprendano subito”
Esteri / Raid russo sul centro commerciale di Kremenchuk: le impressionanti immagini dell'attacco
Esteri / Madagascar, viaggio di nozze da incubo: “Nostra figlia è grave e nessuno ci aiuta. Fateci tornare”
Esteri / Sposa una bambola di pezza: matrimonio con 250 invitati e viaggio di nozze
Esteri / Zambia, acque infestate da vermi che depongono le uova nel corpo delle donne con conseguenze mortali
Esteri / Usa, strage di migranti in Texas: 46 persone trovate morte asfissiate all’interno di un camion