Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un uomo della Virginia è stato accusato di supporto all’Isis

Immagine di copertina

Il ventiseienne si era recato in Siria all'inizio dell'anno per unirsi al gruppo estremista ma era stato catturato dale forze curde nel nord dell'Iraq

Un cittadino della Virginia, negli Stati Uniti, è stato accusato di aver fornito supporto materiale all’Isis.

Mohamad Jamal Khweis, 26 anni, si era recato in Siria per unirsi al gruppo estremista e aveva cominciato l’addestramento da quasi un mese quando era stato catturato dalle forze curde nel nord dell’Iraq a marzo.

Khweis sarà processato presso il tribunale federale di Alexandra, ha reso noto il dipartimento di Giustizia americano.

L’uomo ha riferito agli agenti dell’Fbi che ha cominciato a pianificare di unirsi al sedicente Stato islamico a metà del 2015, dopo aver visto i video in cui i miliziani estremisti giustiziavano dei prigionieri, incluse le raccapriccianti immagini del pilota giordano arso vivo.

Khweis ha ammesso durante gli interrogatori di aver viaggiato attraverso l’Europa e la Turchia per raggiungere la Siria e unirsi al gruppo, e di essere arrivato a Raqqa, la capitale de facto dell’Isis nel paese, dove ha dichiarato di essere disposto a diventare un attentatore suicida.

L’aspirante jihadista è stato sottoposto all’indottrinamento religioso da parte del gruppo a Mosul, in Iraq, ma – stando a quanto ha dichiarato – non aveva ancora mai toccato un’arma da fuoco.

Quando le forze curde lo hanno preso, uno degli agenti aveva riferito che l’uomo sembrava intenzionato non solo a sfuggire alla cattura ma anche a scappare dai miliziani dell’Isis. 

Khweis deteneva ancora la sua patente di guida rilasciata dallo stato della Virginia ma a quel punto aveva bruciato e distrutto sia il suo computer che i suoi due telefoni cellulari.

Il ventiseienne è uno dei quasi 90 cittadini americani accusati di crimini connessi alle attività dell’Isis.

Il direttore dell’Fbi ha però dichiarato che il numero di individui che aspirano a unirsi al gruppo estremista è sceso a uno al mese, dagli otto al mese precedenti, sin da agosto 2016.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale