Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La candidata verde alla Casa Bianca vuole Edward Snowden nella sua amministrazione se verrà eletta

Immagine di copertina

In un editoriale sul Guardian Jill Stein ha annunciato di voler concedere la grazie per l'ex tecnico NSA

In un editoriale pubblicato sul quotidiano britannico The Guardian, la candidata dei Verdi alla Casa Bianca Jill Stein ha chiesto che il suo paese conceda la grazie a Edward Snowden, l’ex consulente della National Security Agency (NSA) che ha reso noti i programmi segreti di sorveglianza informatica di massa del governo di Washington.

Jill Stein ha dichiarato che se dovesse venire eletta presidente nelle elezioni di novembre, non solo perdonerà Snowden – che attualmente si trova a Mosca e se dovesse tornare in territorio statunitense sarebbe processato – ma gli darà un incarico nella sua amministrazione. Secondo la Stein, infatti, Snowden avrebbe rivelato al pubblico un programma del governo illegale, dal momento che la sorveglianza dei cittadini senza che vi sia una particolare investigazione è stata definita dai giudici – continua la candidata nel suo editoriale – illegale.

Oltre a Snowden, Jill Stein ha dichiarato di voler concedere la grazia anche a Chelsea Manning, il militare – oggi divenuto donna – che ha trafugato migliaia di documenti riservati consegnandoli all’organizzazione WikiLeaks, e a John Kiriakou, l’ex analista della CIA accusato di aver diffuso informazioni riservate.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg