Covid ultime 24h
casi +12.694
deceduti +251
tamponi +230.116
terapie intensive -29

Gli Stati Uniti emettono la prima condanna a morte per crimini d’odio

Dylann Roof, autore del massacro di Charleston, è stato condannato a morte per l'uccisione a sfondo razziale di nove afroamericani in una chiesa in South Carolina

Di TPI
Pubblicato il 11 Gen. 2017 alle 09:21 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:11
0
Immagine di copertina

Dylann Roof, sostenitore della “supremazia della razza bianca” e autore del massacro di Charleston, è stato condannato a morte per l’uccisione a sfondo razziale di nove afroamericani in una chiesa in South Carolina nel 2015. Si tratta della prima condanna a morte per crimini d’odio emessa da un tribunale degli Stati Uniti.

L’uomo era stato già condannato il mese scorso con 33 accuse federali, tra cui crimini d’odio. 

Davanti ai giudici ha detto: “Sentivo che dovevo farlo, e ancora adesso sento che ho dovuto farlo”.

I giudici sono rimasti quasi tre ore in camera di consiglio prima di emettere il loro verdetto.

Il massacro aveva scosso la nazione e riacceso il dibattito sulle discriminazioni razziali. 

Roof aveva detto alla polizia che voleva scatenare una guerra razziale ed era stato fotografato con in mano la Bandiera degli Stati Confederati d’America, considerata da molti un simbolo di odio razziale. 

Decine di amici e parenti delle vittime della sparatoria di Charleston hannno testimoniato al processo contro Roof ma nessuno di loro si era appellato alla giuria per chiederne la condanna a morte.

La sera del 17 giugno 2015, Roof entrò in una chiesa metodista di Charleston, la Emanuel African Methodist Episcopal Church, mentre i fedeli ascoltavano la lettura della Bibbia, rimase seduto per 45 minuti, poi iniziò a sparare con una Glock calibro 45. 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.